Parola d’ordine: concretezza

Parola d’ordine: concretezza

FORMELLO – E’ una Lazio sicuramente concreta quella che scende nel campo dedicato a Mirko Fersini per affrontare un Palermo alla portata dei biancocelesti. In testa la finale di coppa Italia contro la Fiorentina e nei piedi l’occasione per rimanerne distacati in campionato. Sono quattro i punti che ormai separano…

FORMELLO – E’ una Lazio sicuramente concreta quella che scende nel campo dedicato a Mirko Fersini per affrontare un Palermo alla portata dei biancocelesti. In testa la finale di coppa Italia contro la Fiorentina e nei piedi l’occasione per rimanerne distacati in campionato. Sono quattro i punti che ormai separano i viola dai capitolini e tanto vale non rischiare. Manca ancora Tounkara ma in campo va la miglior formazione a disposizione di Bollini. E’ una Lazio che inizia con lo sfruttare al meglio le occasioni create ma che finisce nel cadere nel nervosismo di fine partita. Aria tesa: grandi proteste sugli spalti e tanti cartellini in campo. Un rigore per parte che consente ai siciliani di accorciare le distanze e ai romani di continuare a percorrere la strada che porta alla maledizione del dischetto.

 

Ancora una rigore sbagliato: questa volta ci prova Crecco ma non riesce a far meglio di Lombardi e Minala. Nel finale di primo tempo subentra la stanchezza e fallire tale occasione diventa pericoloso. Ma nonostante il due a uno la Lazio riesce a controllare la situazione ma senza andare oltre i compiti basilari, guadagnando qualche buona punizione e nulla più. In gol ci va Palombi e al raddoppio ci pensa il discutissimo Minala che, scansata la preoccupazione creata dalle voci del mese, è tornato a prendere per mano i suoi compagni e portarli alla vittoria chiudendo al meglio questo match. Troppi errori elementari: passaggi che non arrivano al destinatario o vengono intercettati troppo facilmente. Errori che devono correggersi al più presto prima che possano diventare rilevanti ai fini del risultato finale che, questa volta, è stato rivisto e corrette dal solito Minala che al novantatreesimo minuto mette i tre punti in cassaforte e butta la chiave.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy