Quante emozioni: Lazio-Roma 2-2

Quante emozioni: Lazio-Roma 2-2

STADIO FERSINI – Lazio e Roma Primavera si sono trovate oggi a Formello, per quello che è stato un assaggio della stracittadina di domani fra le squadre maggiori. Il 4-3-3 di Bollini contro il 4-1-4-1 di De Rossi, per una sfida valida per l’alta classifica del campionato di categoria, con…

STADIO FERSINI – Lazio e Roma Primavera si sono trovate oggi a Formello, per quello che è stato un assaggio della stracittadina di domani fra le squadre maggiori. Il 4-3-3 di Bollini contro il 4-1-4-1 di De Rossi, per una sfida valida per l’alta classifica del campionato di categoria, con le due romane terze in classifica a pari merito. I biancocelesti recuperano Rozzi dopo lo stop a causa della frattura nasale, in campo grazie alla preziosa mascherina protettiva, mentre i giallorossi sono costretti a schierare il portiere degli Allievi per via delle assenze.

Avvio in salita – Nella prima frazione di gara, la compagine laziale parte meglio, ma è quella avversaria ad avere le occasioni migliori e prendere lentamente il sopravvento. Dopo 10 minuti la Roma si impossessa il pallino del gioco, lasciando alla Lazio solo azioni di contropiede, poche e mai limpide. Al 21′ la Lazio va sotto, con Ferrante che sfrutta una palla vagante in area, su azione di calcio d’angolo. La reazione dei biancocelesti è nervosa e confusionaria, produce solo interventi fallosi in eccesso e un’ammonizione a carico di Falasca, mentre le opportunità capitate prima sul sinistro di Rozzi, poi sulla testa di Vilkaitis non vengo sfruttate a dovere.

Tira riporta l’equilibrio – La ripresa inizia con un altro piglio, Bollini ha strigliato i suoi all’intervallo e gli effetti non tardano ad arrivare. La Lazio continua a non giocare benissimo, ma ci mette maggior grinta e determinazione, oltre un pizzico di fortuna che non guasta mai in un derby. Fortuna che premia la corsa di Catalin Tira, che al 63′ raccolgie un lancio sulla sinistra, supera il diretto avversario e si incvola verso l’area romanista: mancino deviato e palla in fondo al sacco. A stretto giorno dio lancette, in un’occasione fotocopia, Rozzi potrebbe firmare il sorpasso ma il suo tiro viene contrastato in angolo.

Sorpasso e rimonta beffarda – Il pari restituisce alla’undici laziale nuova linfa, che aumenta l’intensità di manovra e frena con puntualità l’incdedere giallorosso. Il vantaggio è nell’aria, arriva su corner con Serpieri, che stacca su tutti e trasforma in cioccolata la battuta di Falasca. Una gioia che però, non è destinata a durare a lungo, anche a casusa della reazione della Roma, che non ci sta e a pochi minuti dal termine trova il pareggio, sempre su azione di calcio d’angolo questa volta impattato da Lucca. Tanto rumore per nulla, ma anche tante emozioni e capovolgimenti di fronte, in quella che è stata una partita maschia e combattuta. Finisce 2-2, domani toccherà ai più grandi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy