Rozzi come un treno, Vicenza asfaltato

Rozzi come un treno, Vicenza asfaltato

STADIO FERSINI – La Lazio Primavera riprende il cammino con la bella vittoria sul Vicenza per 4-0, dopo i soli due punti conquistati nelle ultime tre giornate di campionato. Lo fa con una formazione nuova per 4/11, dove Bollini lancia i ragazzi che fin ora hanno giocato meno, che hanno…

STADIO FERSINI – La Lazio Primavera riprende il cammino con la bella vittoria sul Vicenza per 4-0, dopo i soli due punti conquistati nelle ultime tre giornate di campionato. Lo fa con una formazione nuova per 4/11, dove Bollini lancia i ragazzi che fin ora hanno giocato meno, che hanno risposto alla grande. Bene i giovani difensori Bilali e Andreoli, così come il centrocampista Silvagni chiamto a sostituire l’infortunato Cataldi, più timido Pollace. Partita dominata per tutti i 90′ minuti, con l’avversario biancorosso costretto nella propria metacampo, in grado di impensierire il portiere Strakosha in un’unica occasione, su sviluppi di un corner al oltre il novantesimo. Sontuosa la prestazione di Antonio Rozzi, finalmente uscito dal calvario della doppia frattura nasale, che oggi ha regalato al pubblico presente due assist, un rigore procurato e la successiva trasformazione. Ad aprire il tabellino è stato Falasca, perfetto erede di Enrico Zampa, geometra del centrocampo biancoceleste. In gol anche Crecco e il solito Tira, che quest’anno fa registrare una sensibile crescita come partecipazione alla manovra e finalizzazione. Fra i subentrati, si è fatto apprezzare l’esordiente Pace, ma in generale tutti i 14 utilizzati oggi son ampiamente sopra la sufficenza. Bollini, che oggi per squalifica ha seguito il match da esterno campo, può sorridere. La Lazio è tornata in carreggiata e si prepara al meglio per la prossima sfida di Coppa Italia contro il Napoli capolista.

F.P.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy