A BOTTA CALDA – Biscotto indigesto: il terzo posto cuoce dentro al Vesuvio

A BOTTA CALDA – Biscotto indigesto: il terzo posto cuoce dentro al Vesuvio

ROMA – Finita la guerra, tutti giù per terra. Arde il fuoco ai piedi della Nord, s’alza come le ali d’Olympia laggiù dentro la Curva. Bandierine biancocelesti e tante d’oro per rappresentare l’aquila. Che è Roma: “La sua virtù da sola sfida le tenebre”. Eppure non si scansano da questo…

ROMA – Finita la guerra, tutti giù per terra. Arde il fuoco ai piedi della Nord, s’alza come le ali d’Olympia laggiù dentro la Curva. Bandierine biancocelesti e tante d’oro per rappresentare l’aquila. Che è Roma: “La sua virtù da sola sfida le tenebre”. Eppure non si scansano da questo derby, finito in poco più di 10 minuti all’inferno. Lulic 71 fissa sconsolato Iturbe desnudo dalla panchina. Parolo l’aveva fermato con le cannonate in una stracittadina non certo piena di sprint. Tanto che davvero sembrava un biscotto in cottura. Invece alla fine la Lazio s’ustiona fra gli spettri. D’un gol divorato con una capocciata da Klose al 5′ su un cross benedetto da Sant’Antonio. Il “Mito” si fa perdonare con una sponda per Djordjevic. Non basta la questione di Filip risolta col gol, all’85’ Yanga-Mbiwa svetta e la Lazio risprofonda negli inferi.

 

 

INGENUITA’ – Candreva fa il suo, Felipe è decisivo sul pari, ma più bravo in ripiegamento. Dove Gentiletti svariona più volte e c’è solo de Vrij a fare il gigante in anticipo. Peccato davvero, perché i biancocelesti s’erano davvero strappati il cuore dal petto giovedì notte, l’avevano lasciato al centro del campo, al fianco del pallone: «Orgoglioso di voi, adesso andiamo a prenderci la Champions», aveva singhiozzato Pioli ai suoi ragazzi, abbracciati a girotondo, ancora tramortiti da quello schiaffo bianconero del destino. Oggi al tramonto il mister li aveva ritrovati tutti lì, a cerchio all’uscita dal tunnel. Non si riesce a schiacciare proprio questa malasorte. Sarebbe stato bello vedere almeno delle “facce di bronzo”. Invece il terzo posto è ancora in cottura dentro il Vesuvio.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy