Anna Frank, giovedì la sanzione: Lotito rischia la poltrona in Figc, la Lazio una “chiusura” sino a gennaio

Anna Frank, giovedì la sanzione: Lotito rischia la poltrona in Figc, la Lazio una “chiusura” sino a gennaio

Verrà notificata la prossima settimana la decisione della Procura Federale, il club preparerà la memoria difensiva in 10-20 giorni prima del processo

ROMA – La sentenza di Pecoraro verrà – secondo le nostre indiscrezioni – notificata a inizio della prossima settimana a Formello. Giovedì prossimo sarà pubblico il dispositivo con le sanzioni sul sito della Figc. La Procura Federale contesta a Lotito la violazione dell’articolo 1 bis (slealtà sportiva) per l’apertura della Curva Sud agli abbonati in Curva Nord e al club biancoceleste la responsabilità oggettiva per la questione degli adesivi antisemiti (l’articolo 11 sui comportamenti discriminatori) per i quali stamattina alle 6 è partito addirittura un blitz sulle tipografie responsabili della stampa.

CHIUSURA STADIO O CURVA

I deferimenti per il presidente e la Lazio sono dunque scontati, i rischi immensi: si va da almeno due turni a porte chiuse o con il campo squalificato (la Lazio è recidiva) sino alla serrata della Curva Nord addirittura fino a gennaio. Non esiste alcun modo la possibilità di aggiungere alla squadra punti di penalizzazione. Per Lotito una multa ma soprattutto l’inibizione a svolgere attività in Figc. Tra l’altro, sforando i 12 mesi di squalifica, il patron biancoceleste non potrebbe più ricoprire cariche federali per 10 anni. Proprio ora che aveva ritrovato (dopo l’aiuto per l’Eca) l’appoggio di Agnelli a tornare nelle stanze del potere.

MEMORIA

La Lazio e Lotito sono comunque pronti a difendersi, ma ci vorranno tra i 10 e i 20 giorni prima delle audizioni davanti al Tribunale federale nazionale. Il procuratore Percoraro acquisirà le memorie e le argomentazioni della Lazio, poi toccherà al processo vero e proprio in aula. L’avvocato Gentile è pronto a portare una sentenza contro la Roma di un abbonato che – incolpevole per la chiusura di un settore – aveva chiesto il risarcimento del biglietto. Un modo per dimostrare come il club biancoceleste abbia voluto scongiurare – portando gli abbonati dalla Nord in Maestrelli – in anticipo una class action collettiva. Al momento però c’è lo scaricabarile delle istituzioni – Osservatorio, Lega e Figc – che ufficiosamente erano state informate dell’iniziativa “We fight racism” proprio per evitare future sanzioni. Le figurine di Anna Frank hanno stravolto tutte le condizioni.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy