CASA LAZIO – Perchè Morrison non gioca? E’ presto detto…

CASA LAZIO – Perchè Morrison non gioca? E’ presto detto…

Di sicuro, non perché sta antipatico a Pioli. Il tecnico emiliano ha spiegato più volte le difficoltà d’ambientamento dell’inglese, dai confessati problemi con l’italiano alla malcelata esuberanza fuori dal campo e al complicato rapporto con le regole.

ROMA – «Ma perché non gioca Morrison? Sta antipatico a Pioli?». Proprio non se lo spiegano, i tifosi della Lazio. Attraverso le radio e sui social network la richiesta è sempre la stessa: il popolo biancoceleste vuole vedere l’«incompreso» Ravel. Finora, effettivamente, l’inglese ha giocato poco, per la precisione 61 minuti, incluso l’intero impalpabile secondo tempo nella pesante sconfitta subita a Verona contro il Chievo. Perché non gioca Morrison, presentato dal direttore sportivo Igli Tare come un calciatore «dalle qualità fuori dalla norma, un ragazzo che ha risolto i problemi personali e sarà importante per la squadra»? Di sicuro – scrive iltempo.it – non perché sta antipatico a Pioli. Il tecnico emiliano ha spiegato più volte le difficoltà d’ambientamento dell’inglese, dai confessati problemi con l’italiano alla malcelata esuberanza fuori dal campo e al complicato rapporto con le regole.

«Ho una brutta etichetta addosso – ha spiegato Morrison nell’ultima intervista in Inghilterra – ma io non sono un problema, sono solo incompreso». Morrison l’«incompreso» chiede spazio e i tifosi vogliono vederlo. Le doti tecniche dell’inglese farebbero tanto comodo alla Lazio, in modo particolare domani contro il Rosenborg quando Pioli dovrà rinunciare ancora una volta ai titolari Biglia e Parolo, con l’affaticato Milinkovic-Savic destinato alla panchina.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy