Ciro sfida il “Gallo”, domenica sarà faccia a faccia tra i due amici azzurri

Ciro sfida il “Gallo”, domenica sarà faccia a faccia tra i due amici azzurri

La sfida che andrà in scena all’Olimpico di Torino merita grande attenzione non solo per la classifica, ma anche per la sfida tra Immobile e Belotti

Di Lorenzo Manelfi

ROMA – Domenica pomeriggio la Lazio sarà impegnata in una difficilissima trasferta. I biancocelesti affronteranno il sorprendente Torino dell’ex Mihajlovic, vera rivelazione di questo inizio di campionato. I granata infatti, grazie alla vittoria di ieri sera contro il Palermo, hanno agganciato il Napoli e la Lazio a quota 14 punti, piazzandosi al quarto posto. La sfida che andrà in scena all’Olimpico di Torino merita grande attenzione non solo per la classifica, ma anche per la sfida tra Ciro Immobile e Andrea Belotti, i due attaccanti della Nazionale targata Giampiero Ventura. I due bomber – compagni di squadra lo scorso anno – nelle recenti interviste si sono mandati messaggi d’amore: “Abbiamo avuto la fortuna di aver già giocato insieme. Tra noi non c’è nessuna rivalità ma solo grande voglia di collaborare per il bene della Nazionale” ha dichiarato il “Gallo” ai microfoni di Tuttosport. Ha ribadito poi a Sky Sport: “Sarebbe bellissimo giocare in azzurro con Ciro. Siamo cresciuti insieme, siamo grandi amici e ritrovarsi fianco a fianco anche con la maglia della Nazionale sarebbe una gioia indescrivibile”. Ieri sera Immobile ha ricambiato le belle parole a Tiki Taka: “Belotti? Siamo amici e siamo in contatto, è un bravissimo ragazzo e merita il meglio. Gli ruberei la cresta”. Uno napoletano, l’altro bergamasco, un ragazzo del sud e un ragazzo del nord. Ma il calcio ha il potere di unire, e i due adesso sono grandi amici, nonostante li divida una distanza di quasi 700 km. Domenica pomeriggio però l’amicizia verrà messa da parte, i due saranno solo rivali.

IL “GALLO”, L’AVVERSARIO DI CIRO – Paragonato a Gianluca Vialli per prestanza fisica e doti tecniche, è un attaccante in grado di coprire ogni ruolo lungo il versante offensivo e che ama svariare su tutto il fronte d’attacco. Rapido nei movimenti, forte fisicamente e buon senso della posizione. Il suo contributo risulta prezioso anche in fase di non possesso. Ricorda qualcuno? Verrebbe da pensare proprio al suo compagno di reparto azzurro. Sicuramente simili tatticamente, forse su Immobile e Belotti si vede la mano di Ventura, che li ha allenati l’anno scorso con il Toro e che adesso sono il punto di forza proprio dell’Italia allenata dal tecnico genovese.

NUMERI A CONFRONTO – 26 anni per Ciro Immobile, 23 a dicembre per Belotti. Prima dell’inizio del campionato, l’attaccante biancoceleste aveva collezionato 148 presenze tra Serie A e Serie B, andando a segno 67 volte. Nella breve parentesi europea con Borussia Dortmund e Siviglia, il giocatore napoletano ha totalizzato 32 presenze segnando 5 reti, ma con il club tedesco è riuscito a segnare 4 gol in 6 partite di Champions League. In totale – considerando campionati e coppe – sono 78 marcature in 195 presenze, un gol ogni 2 partite e mezzo. Belotti invece, prima che cominciasse questa stagione, aveva collezionato 142 presenze tra Serie A, Serie B e Lega Pro, 148 considerando anche le coppe, segnando 47 gol. Circa un gol ogni 3 partite. Il laziale è stato capocannoniere sia nella massima serie che in quella cadetta. In azzurro 18 presenze per Ciro, 3 per il “Gallo”. 4 gol per l’attaccante napoletano, uno del bergamasco. I due attaccanti hanno iniziato benissimo questo campionato, segnando entrambi 5 gol. I migliori attaccanti italiani, la nuova coppia della Nazionale azzurra. Domenica vinca il migliore.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy