• SUL CAN.85 DELLA TUA TV TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Correa rischia di restare un campione irrisolto

Correa rischia di restare un campione irrisolto

E’ l’uomo che crea la superiorità numerica, ma poi non riesce a incidere sotto porta. Inzaghi deve correggergli questa caratteristica

di redazionecittaceleste

ROMA – Non puoi essere il migliore, se non riesci mai a segnare. Correa incanta e divide, è la solita scheggia impazzita a Firenze, ma diventa un cucciolo ingenuo quando c’è da mettere la palla dentro la rete.

eccezzzionale
Pressa, accelera e inventa. Anche l’assist decisivo per Immobile. Poi corre come un matto e fa volare Terracciano. E’ un cavallo imbizzarrito, ma Inzaghi gli corregge a fine partita lo spartito: “Deve migliorare in fase realizzativa, servono i suoi gol”. Già ancora troppo pochi rispetto a quello che fa Correa con quei piedi fatati. Ieri, come nel derby, un’altra partita da fuoriclasse, purtroppo senza entrare fra i marcatori. Magie incredibili, come quella che porta al gol di di Ciro e il passaggio-luce inventato per Leiva e non sfruttato. Classe immensa, Correa, eleganza, tecnica, genio. Un Tucu-taka che dovrebbe far volare la Lazio e invece la lascia sempre a mezz’aria in fase di decollo. Joaquin deve diventare più cattivo, altrimenti rischia di restare sempre un campione irrisolto. Lo si capisce anche in ogni suo numero: top player per occasioni create (4) e per la precisione (94,3%) dei passaggi offensivi completati (18 su 19). Ovviamente primo insieme a Milinkovic per dribbling (3), ma Correa alla fine è solo bellezza senza un tapin.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy