CorSera: È il momento degli Inzaghi, Simone più vicino alla panchina

CorSera: È il momento degli Inzaghi, Simone più vicino alla panchina

È l’estate di Pippo, ma può diventare anche l’estate di Simone. La tentazione della Lazio di affidare la squadra all’Inzaghi di casa è forte, al netto di un rapporto con Reja che è ancora tutto da decifrare e, soprattutto, da mettere su carta. Sul contratto per la prossima stagione non…

È l’estate di Pippo, ma può diventare anche l’estate di Simone. La tentazione della Lazio di affidare la squadra all’Inzaghi di casa è forte, al netto di un rapporto con Reja che è ancora tutto da decifrare e, soprattutto, da mettere su carta. Sul contratto per la prossima stagione non c’è la firma, però c’è una stretta di mano tra tecnico e presidente che solo una divergenza di vedute sul futuro potrebbe far sciogliere. Sabato l’incontro decisivo, ma le quotazioni di Simone Inzaghi vanno su, perché è una soluzione già a disposizione, ha costi sostenibili ed è in linea con i nuovi programmi del club. «Nei prossimi giorni ci vedremo con Reja per confrontarci sulle rispettive idee – ha ribadito il d.s. Igli Tare -: le valuteremo e decideremo». In realtà, a giudicare dalla nuova filosofia e dalla sua messa in pratica, cioè dal lancio in pompa magna dell’Academy e dalla volontà di puntare sui giovani, la Lazio sembra aver già decido. E il vortice potrebbe risucchiare pure la panchina, sulla quale hanno chance di sedersi sia Alberto Bollini che Simone Inzaghi. Entrambi sanno come lavorare con Keita, Tounkara e Minala. Il secondo, però, può far valere la sua esperienza da calciatore, con un record ancora intatto (poker in Champions contro l’O.M.) conquistato da laziale.

 

La fiducia del presidente c’è: «Inzaghi ricoprirà incarichi sempre più importanti», disse Lotito la serata di Firenze, dopo che la Primavera aveva alzato al cielo la Coppa Italia. «Io sono pronto: allenare la Lazio è il mio sogno», le parole di Inzaghi agli Ussi. Un’auto-candidatura che potrebbe essere sostenuta anche dai laziali. Simone ha dalla sua il passato e l’amore dichiarato verso il biancoceleste, i tifosi ricambiano con affetto. Dargli la panchina potrebbe essere un gesto in sintonia con l’appello lanciato da Lotito durante la festa per l’Academy. Un «ricominciamo» che, però, per il momento, ha sbattuto sul muro della contestazione. I post sui social dicono che i laziali non hanno in programma passi indietro. Aspettano una svolta vera. (Corriere della Sera)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy