DAY AFTER / Crollo Lazio: ecco tutti i perchè

DAY AFTER / Crollo Lazio: ecco tutti i perchè

Nessuno gioca contro, ma certo uno scollamento generale esiste e l’incapacità di gestire la situazione da parte di società e tecnico nel complesso sta producendo danni, non benefici

ROMA – Diciamolo con chiarezza: se ci si aspettava una reazione orgogliosa, quasi furiosa, della Lazio, chiamata a vincere e uscire dalla crisi, la prima mezz’ora con il Palermo ha fatto venire il dubbio, o almeno l’interrogativo, che una buona parte della squadra fosse smarrita e stesse giocando senza testa. Non diciamo contro l’allenatore o contro la società che nel momento di crisi ha accusato i suoi giocatori di scarso impegno e discusso le scelte di Pioli, sinora difeso e anche ieri confermato dai dirigenti, registrando allo stesso tempo una logica riflessione. I risultati e le prestazioni dovranno tornare in fretta, già a partire dalla trasferta di Empoli, altrimenti anche la panchina comincerà a entrare in discussione. La Lazio – scrive il Corriere dello Sport – si è messa a correre e ha reagito, senza lucidità e con molta confusione tattica, nella parte conclusiva del primo tempo e per tutta la ripresa. Si è visto l’impegno e la generosità di diversi giocatori, non di tutti. Ha deluso il capitano Biglia, che forse pativa il volo intercontinentale e la stanchezza accumulata nel doppio impegno con l’Argentina, a cui si possono aggiungere le indiscrezioni di mercato e le continue dichiarazioni del suo procuratore che non vede l’ora di portarlo via da Formello. Nessuno gioca contro, ma certo uno scollamento generale esiste e l’incapacità di gestire la situazione da parte di società e tecnico nel complesso sta producendo danni, non benefici. E’ la Lazio che sta perdendo il suo patrimonio giocatori.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy