Due gemelli diversi per la Lazio di Reja

Due gemelli diversi per la Lazio di Reja

Filmano anche il futuro, tutta loro la regia. Cineprese in campo, Biglia e Ledesma. Inquadratura trovata nel girone di ritorno di questa precaria stagione. Esperimento provato, riprovato e finalmente riuscito. Da questa certezza si dovrà ripartire: i due argentini, insieme, ballano il tango. Lucas e Cristian erano stati separati alla…

di redazionecittaceleste

Filmano anche il futuro, tutta loro la regia. Cineprese in campo, Biglia e Ledesma. Inquadratura trovata nel girone di ritorno di questa precaria stagione. Esperimento provato, riprovato e finalmente riuscito. Da questa certezza si dovrà ripartire: i due argentini, insieme, ballano il tango. Lucas e Cristian erano stati separati alla nascita della “nuova” Lazio: maldestro tentativo di compatibilità fallito in Supercoppa. Petkovic c’aveva lavorato tutta l’estate alla convivenza in mediana dei due playmaker, salvo rinnegarsi alla prima batosta il 18 agosto: Biglia e Ledesma si pestavano i piedi, s’imitavano, si toglievano spazio. Erano fermi, troppo morbidi. Messi in quel 4-1-4-1, giravano a vuoto. Adesso s’integrano, nel 4-3-3 o nel 3-4-3: Reja ha rilanciato la coppia, l’ha resa salda, affiatata per l’anno che verrà. Uno detta i tempi, l’altro dona equilibrio: «Ora ci capiamo con uno sguardo», canticchiano in coro. Seppure il destino spesso s’accanisce – con le squalifiche – contro questa nuova storia d’amore. 

LUCAS LA NOVITA’ – Ciak, rigira Biglia. Dopo i mesi della depressione in Belgio e l’ambientamento biancoceleste, riecco Lucas ordinato, tignoso al comando. Alla Lazio cresce a vista d’occhio, in patria è nuovo profeta. Ha tolto il posto a Veron e Cambiasso, due “miti” della Selecciòn. E non farà rimpiangere l’infortunato Gago. Biglia è il nuovo cuore dell’Argentina: «Non solo è il sostituto naturale di Mascherano, ma ha pure dimostrato di poterci interagire perfettamente». Il Ct Sabella s’è invaghito in un anno, a Reja son bastati pochi mesi. La sobria perfezione dei suoi passaggi non dà le bollicine ai 10 milioni spesi in estate, eppure Biglia è senz’altro un colpo azzeccato. Forse l’unico, insieme a Berisha. Per questo Lucas invoca compagni del suo calibro: «Se in estate aggiungeremo qualche tassello a questa squadra – l’appello a Lotito – potremo ambire a obiettivi importanti». Uno come Lucas, fuori dall’Europa (anche solo League) non c’è mai stato. 

 

 

CRISTIAN, LA CONFERMA – Parla la stessa lingua, leader Ledesma. Ora va a braccetto con Lucas: «Dobbiamo ringraziare Reja». Petkovic aveva creato un dualismo, Edy ha costruito un tandem di forza, una catapulta di qualità a centrocampo. Da lì si lancia, la Lazio, verso l’Europa e verso il futuro immediato, sperando di scongiurare nuovi tormentoni. Perché se ne parla poco, ma nel 2015 scadrà il contratto della bandiera Ledesma. Cristian ha giurato fedeltà a vita, Lotito non dovrà tradirlo. Anche se la nuova politica societaria punta al ringiovanimento. Il vice-capitano ha 32 anni, ma la grinta di un giovanotto esperto. Di questo e altri cuori biancocelesti sarà tosta farne a meno: «Accordo Biava-Atalanta per la prossima stagione? Presto parleremo con Lotito», spiega l’agente Parretti. Quasi ai titoli di coda. (Il Messaggero)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy