FIGC – Lotito ed il gol anti-Roma… da 60 milioni!

FIGC – Lotito ed il gol anti-Roma… da 60 milioni!

ROMA – Se la riforma del calcio studiata in Figc dal duo Tavecchio-Lotito fosse già in vigore quest’anno, l’unica squadra (quasi) a posto sarebbe la Lazio. Tetto alle rose, extracomunitari, rapporti con i procuratori, Academy obbligatoria: tutto sembra calibrato sul presidente biancoceleste. Ma c’è un passaggio che dà il senso…

ROMA – Se la riforma del calcio studiata in Figc dal duo Tavecchio-Lotito fosse già in vigore quest’anno, l’unica squadra (quasi) a posto sarebbe la Lazio. Tetto alle rose, extracomunitari, rapporti con i procuratori, Academy obbligatoria: tutto sembra calibrato sul presidente biancoceleste. Ma c’è un passaggio che dà il senso del delitto perfetto di Lotito, un gol nel derby dei bilanci: dalla prossima stagione la Figc chiederà ai club il pareggio di bilancio, traguardo raggiungibile con un piano di rientro triennale secondo modello Uefa, adattato alle specificità italiche. E la Lazio è già quasi a cavallo: l’ultima trimestrale ha fatto registrare solo un lieve passivo.

 

La Roma (come Inter e Juve) ha un segno meno di cui la Uefa ha già chiesto spiegazioni: passivo intorno ai 60 milioni, da arginare in tre anni sennò, per nuova disposizione, salta l’iscrizione al campionato. Non è un pericolo reale per la Roma, visto il capitale giocatori che si ritrova: basta vendere e non comprare. Il punto è questo: il piano di rientro è un ostacolo alla strategia che, in due anni, ha fatto della Roma una superpotenza del campionato. Quasi una legge «ad squadram». (Corriere della Sera)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy