FM LAZIO / Orrico: “Doppio cambio? Pioli ha voluto dare un segnale forte”

FM LAZIO / Orrico: “Doppio cambio? Pioli ha voluto dare un segnale forte”

“Purtroppo il calcio presenta sempre il conto, la Lazio paga tutto quello che il calcio gli aveva regalato lo scorso anno. Hanno pensato di essere una squadra da terzo posto ma non lo erano, perchè hanno fatto una stagione superiore al loro valore”

casa

ROMA – La Lazio sottoscrive la mediocrità del suo campionato con il pareggio di Torino. Corrado Orrico, in diretta su Radio Incontro Olympia, analizza il momento che sta vivendo Pioli: “Pioli è un uomo intelligente e soprattutto un uomo di calcio. Ho cercato di capire perchè abbia fatto il doppio cambio a pochi minuti dalla fine del primo tempo. Credo che abbia voluto dare un segnale punitivo, perchè magari non stavano facendo in campo quello che aveva chiesto e che avevano preparato in settimana. Pioli non è matto evidentemente non ce la faceva più a vedere certi atteggiamenti in campo, i giocatori sono molto sensibili quando si parla delle loro esclusioni ma spesso sono molto meno attenti quando l’allenatore parla in settimana, preferiscono distrarsi con la mente verso altri pensieri. Ha voluto dare un segnale e ha scelto un giovane e un senatore. Purtroppo il calcio presenta sempre il conto, la Lazio paga tutto quello che il calcio gli aveva regalato lo scorso anno. Hanno pensato di essere una squadra da terzo posto ma non lo erano, perchè hanno fatto una stagione superiore al loro valore. Quest anno se mentalmente avessero pensato di essere da quinto o sesto posto, avrevrebbero messo la stessa attenzione e concentrazione nel lavoro quotidiano allora forse avrebbero potuto ripetere il risultato della scorsa stagione. In Europa League le cose vanno diversamente perchè gli avversari non la conoscono e può sfruttare le qualità dei suoi giocatori, perchè la Lazio ha qualità importanti in alcuni singoli”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy