• TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CALCIOMERCATO DELLA LAZIO? LE TROVI SUL CANALE 669 DELLA TUA TV! 24 ORE AL GIORNO!

Il cuore Biancoceleste s’infrange sul forte Apache

Il cuore Biancoceleste s’infrange sul forte Apache

ROMA – Nemmeno il cuore della Lazio può superare il forte Apache. I biancocecelesti escono a testa alta dallo Stadium, per non aver mollato sino all’ultimo, ma questa Juve è ancora un gradino sopra. Questo è il verdetto. Bravo Allegri a imbrigliare le fasce di Pioli col ritorno al 3-5-2:…

di redazionecittaceleste

ROMA – Nemmeno il cuore della Lazio può superare il forte Apache. I biancocecelesti escono a testa alta dallo Stadium, per non aver mollato sino all’ultimo, ma questa Juve è ancora un gradino sopra. Questo è il verdetto. Bravo Allegri a imbrigliare le fasce di Pioli col ritorno al 3-5-2: intelligente il raddoppio asfissiante su Anderson, sino a farlo perdere nella ripresa. Quando, col ritrovato 4-2-3-1, parte un vero e proprio assedio continuo all’area bianconera. La differenza della gara sta tutta qui: Chiellini, Bonucci e Barzagli sono esemplari in difesa nel momento del bisogno. Questa Lazio invece, senza de Vrij (non a caso 4 ko su 4), non regge dopo 17′: Vidal anticipa Biglia (ancora dolorante per una gomitata alla testa di Marchisio) nella spizzata a centrocampo, la retroguardia biancoceleste è alta e Tevez la fulmina in controtempo: diagonale-gol. Undici minuti più tardi, black out in mediana, così Bonucci parte lanciato da Pirlo: né Cana (che però segue Tevez) né Mauricio gli vanno incontro. Anzi si consegnano: dai sedici metri, il difensore piazza il piattone alla sinistra di Marchetti.

 

 

ANALISI – Nel primo tempo la Lazio è piuttosto sterile e, nonostante 75 passaggi offensivi contro i 37 bianconeri, ha un solo rimpianto al 25′: cross di Lulic, Klose si trova la palla in area ma si lascia deviare il tiro da Bonucci in angolo. C’è poco però da rimproverare al panzer, a uno che sgomita per tutta la sfida in ogni angolo del campo. Che non respira e scuote di continuo la squadra. Pecca invece d’esperienza il baby Cataldi, chiamato all’arduo compito di sostituire Parolo: è propositivo, ha personalità, ma stasera sbaglia spesso le scelte e si becca pure l’espulsione (che avrebbe meritato anche Marchisio). E viene graziato da Evrà al 46′, che lo anticipa, ma tira fuori di testa a pochi passi dalla porta. Candreva, il grande ex escluso dall’11 iniziale, non è preciso nel silulare le incertezze di Buffon. Forse le uniche di una Juve al momento inarrivabile. Ma domani, caro Zio Reja, è un altro giorno…

Cittaceleste.it

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy