• TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CALCIOMERCATO DELLA LAZIO? LE TROVI SUL CANALE 669 DELLA TUA TV! 24 ORE AL GIORNO!

Il discorso di Parolo alla squadra: “Guai a mollare adesso”

Il discorso di Parolo alla squadra: “Guai a mollare adesso”

I risultati della domenica hanno risollevato il morale

di redazionecittaceleste

ROMA – La sconfitta contro il Chievo brucia forte. E lo fa ancor di più alla luce dei risultati di ieri: sconfitta del Milan, pari tra Torino e Atalanta e quello della Fiorentina. Se da un lato vien da dire “meno male” perché si son contenuti i danni, dall’altro però contro i gialloblù si è persa l’occasione di andare a scavare un solco ancor più netto con le inseguitrici. Alla fine il capitombolo contro i ragazzi di Maran ha avuto l’effetto di far perdere una posizione ai biancocelesti, scavalcati dall’Inter, e di lasciare molti rimpianti e diversi interrogativi.

PAROLE, PAROLE, PAROLE – Le facce nello spogliatoio dopo la sconfitta erano ovviamente scure. Parolo ha voluto prendere fare un discorso alla squadra. «Non dobbiamo mollare, dobbiamo lottare ancora di più. Una gara storta può capitare ma l’importante è che sia un episodio e non una costante» ha sottolineato il centrocampista laziale. Un discorso condiviso da tutto lo spogliatoio e che viene dopo l’allarme lanciato prima da Radu e poi da Lulic. Parole che hanno avuto l’effetto di scuotere l’animo di tutti ma che nel concreto non sono riuscite ad incidere fino in fondo. Alla fine si è rivista quella mancanza di cinismo che, dall’inizio di stagione, si è trasformato in un vero e proprio problema. In un limite che non fa fare quel salto decisivo verso l’alto. E se alle volte il risultato è riuscita a portalo lo stesso a casa, vedi Bologna e Crotone, altre invece non ci è riuscita ed il botto è stato più rumoroso. Serve ritrovare immediatamente la rotta, quella intrapresa questa estate, quando i problemi e la paura di non farcela erano più grandi degli specchi nei quali qualcuno si rimira troppo spesso.

PERSONALITÀ – E allora è evidente che quando a questa squadra mancano i suoi uomini chiave fa fatica a marciare con lo stesso passo visto ad inizio stagione. Biglia può e deve dare di più. Lo sa Inzaghi e lo sa il calciatore stesso. Il rendimento non è quello che si aspettava la società e che si aspettava l’allenatore che su di lui si era speso più e più volte anche nel corso della passata stagione. Anche il rendimento di Parolo è calato dopo la firma sul rinnovo di contratto. Una coincidenza. Il numero 16 biancoceleste è uno di quelli che ha corso e speso di più e soprattutto non ha ricambi. Ci vorrebbe un mago, invece, per capire cosa passa nella testa di Felipe Anderson. Che la personalità sia il suo più grande limite è noto, ma ora sta diventando dannosa. Non riesce ad avere una costanza, non in campionato, ma addirittura in una stessa partita. Alterna giocate fenomenali e vuoti enormi. Se tutti insieme riescono a ritrovare la via allora la Lazio può fare bene. B

ATTERE UN COLPO – La voglia c’è, così come l’impegno che tutti mettono negli allenamenti. Serve la testa. In un gruppo formato di tanti giovani c’è forse bisogno di battere un colpo affinché i biancocelesti si convincano nuovamente che ci sono e che possono continuare a volare in alto. Bisognerà fare di più negli scontri diretti con le big, sono anche quelli che aumentano l’autostima e il carattere. Certo va sottolineato che Inzaghi e il suo staff non possono fare miracoli. E’ evidente che la famosa coperta sia troppo corta. Non ci sono i giusti ricambi. E’ bastato non avere a disposizione Keita ed Immobile e d’improvviso la Lazio si è riscoperta fragile davanti. E’ mancata l’imprevedibilità e il cinismo. Sintomo che lì davanti manca qualcosa. Serviva una punta  – scrive ilMessaggero – e dal mercato non è arrivata. E quasi sicuramente non arriverà. Djordjevic non è un giocatore da Lazio. I numeri lo dicono e loro non mentono. Sui 28 tiri fatti dai biancocelesti contro il Chievo, neanche uno è arrivato da Filip. Un corpo esterno. Una squadra deve essere messa nelle giuste condizioni di centrare gli obiettivi e vincere. Non si può puntare il dito solo contro tecnico e giocatori. Ad ognuno il suo.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy