Immobile come Messi in Europa. E contro l’ex Genoa insegue la vetta della Serie A

Immobile come Messi in Europa. E contro l’ex Genoa insegue la vetta della Serie A

E’ a quota 8 gol in quest’inizio di stagione e vicecapocannoniere in Italia. I rossoblù gli portano fortuna

ROMA – Qui Ciro ci cova ancora. E’ Immobile dalle reti d’oro, la Lazio in Immobile ha trovato davvero un tesoro. Un inizio pazzesco, meglio dell’anno scorso. Il bomber partenopeo ormai entra, segna e decide pure a gara in corso. Nell’esordio europeo prima a riposo, nella ripresa segna subito la rete del 2-2 con ghigno impietoso. Un gioco da ragazzi, come correre in ogni zona del campo, aiutare la squadra ed essere fondamentale in un lampo. Anzi in due: perché è di Ciro anche l’assist per il centro vittoria di Murgia per completare pure il made in Italy (primo gol di Parolo) con questa maglia.

ORO DI NAPOLI

Adesso non ci sono più dubbi su chi sia il bomber più in forma del Bel Paese. Adesso è giusto scomodare i paragoni con i mostri d’Oltralpe. Perché la media realizzativa di Ciro è come un golpe: ogni 10 palloni che tocca, uno si trasforma in gol o suo o di compagno. Contro la banda di Montella, Immobile ha giocato 39 tocchi totali, trasformati in 7 tiri in porta, 4 fuori, 2 passaggi smarcanti. Insomma, ben l’89,5% è andato a buon fine, nessuno tra gli altri giocatori biancocelesti ha fatto meglio. Contro il Vitesse ecco l’ottava meraviglia in 6 partite in questa stagione, contando anche la Nazionale. In biancoceleste, lo score è di 7 reti in 5 partite.

PARAGONI ILLUSTRI

Tradotto: il ragazzo di Torre Annunziata è al pari di Messi (8 reti in 6 partite col Barcellona), meglio di Lewandoski (7 reti in 6 partite col Bayern) e Cavani (9 reti in 7 partite col Paris Saint-Germain). Mai in carriera era stato così prolifico sin dall’inizio e l’impressione è che il record di 26 reti stagionali dell’anno scorso con la Lazio possa essere battuto.

GRANDE EX

Solo Romelu Lukaku del Manchester United con 9 gol ha segnato di più, ma domani Ciro avrà l’occasione di aumentare il tabellino in Seria A (è vicecapocannoniere dietro Dybala e Icardi) ancora di più. Tornerà in campo dal primo minuto e soprattutto ritroverà il Genoa con cui ha giocato nel 2012/13 collezionando 33 presenze e cinque gol. Contro i liguri, il bomber di solito si scatena: quattro reti all’attivo, di cui tre firmate con la maglia del Torino. Con la Lazio bisogna rimpinguare il bottino.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy