Gol e personalità: Immobile e Dybala guardano tutti dall’alto in basso

Gol e personalità: Immobile e Dybala guardano tutti dall’alto in basso

Alla vigilia del big-match dello Juventus Stadium, i due cannonieri si preparano a far impazzire la difesa avversaria

(Pubblicata ieri)

di Lorenzo Ottaviani

ROMA – La grande sfida fra Juventus e Lazio metterà l’uno di fronte all’altro due fra i giocatori più determinanti della nostra Serie A. Nessun altro infatti ha segnato tanto quanto Ciro Immobile e Paulo Dybala in campionato: 9 reti per l’italiano, 10 per l’ex-Palermo. I due attaccanti non sanno solamente segnare, ma anche caricarsi la squadra sulle spalle nei momenti di difficoltà. Hanno imparato ad essere veri e propri punti di riferimento per i compagni e a ricoprire una maggiore importanza all’interno dello spogliatoio. La sfida di domani dovrà necessariamente essere teatro di una prestazione di livello di almeno uno dei due calciatori, dato che entrambe le compagini non possono prescindere dalle giocate dei due campioni d’attacco.

CIRUZZO ‘O SOLE MIO’

immobile

Il bomber di Torre Annunziata è considerato uno dei centravanti più in forma a livello europeo. D’altro canto i numeri parlano chiaro, visto che in 10 apparizioni stagionali Immobile ha messo insieme 13 gol e 4 assist – statistiche superiori persino a quelle dello stesso Dybala -, fornendo prestazioni di livello e dimostrando una continuità di rendimento invidiabile. Una componente che accresce ancor di più il valore dell’attaccante napoletano è la leadership che ha assunto all’interno della squadra di Simone Inzaghi: terzo capitano dopo Lulic e Parolo e uomo-spogliatoio utilissimo per caricare i compagni sia dentro che fuori dal terreno di gioco. Nella vittoriosa finale di Supercoppa Italiana disputata ad agosto, Ciro ha segnato una doppietta che ha piegato la Juventus e regalato il trofeo ai suoi. La speranza è che possa ripetersi nel match di domani sera, nel fortino dello Juventus Stadium.

UNA ‘JOYA’ PER GLI OCCHI

dybala

Paulo Dybala tocca il pallone come pochi nel nostro campionato. Il talento di Laguna Larga dall’inizio di questa stagione indossa la maglia numero 10 della Juventus, che in passato ha avuto possessori illustri come Alex Del Piero e Michel Platini. In questi primi mesi i bianconeri hanno beneficiato spesso delle sue giocate: dribbling, passaggi millimetrici e una straordinaria capacità di capire quale posizione assumere in campo hanno permesso agli uomini di Allegri di raggiungere ottimi risultati in Italia, ma meno in Europa. Forse è proprio questo ciò che manca alla ‘Joya’, determinare allo stesso modo nel Bel Paese e in Champions League. Insomma, lo scontro fra questi due attaccanti con caratteristiche diverse ma ugualmente decisivi sarà uno degli elementi più interessanti del big-match delle 18. Nel match di domani assisteremo anche alla sfida a distanza fra il talento Strakosha e il totem Buffon. Chi riuscirà a tenere la porta inviolata? CONTINUA A LEGGERE

13.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy