Immobile non fa “6”… Ma per “Fortuna” un punto

Immobile non fa “6”… Ma per “Fortuna” un punto

Il record di gol rimane a Torino, ma a Napoli arriva comunque un pari… Grazie soprattutto ai numeri da top player di Wallace migliore in campo

ROMA – Vede Napoli e poi s’emoziona. Ciro da Torre Annunziata entra in campo e s’ipnotizza davanti ai 30mila del San Paolo. Corre, sgomita, ma per un tempo non riesce proprio a incidere, a trafiggere Reina. A inizio ripresa poi non concretizza due occasioni top per la Lazio. Niente record a casa, Immobile non segna dopo averlo fatto nelle ultime 5 partite: restano le 6 gare consecutive in gol col Torino nel 2014. Per lui ieri era una partita particolare, una sfida del cuore. L’accoglienza inaspettata del giorno prima lo ha forse condizionato nella testa e nelle gambe. A Piazza Garibaldi l’inaspettato coro: «Olè, olè, olè, Ciro, Ciro». Evidentemente sorpreso anche un bulldozer così dalla calorosissima dimostrazione di affetto: «Vieni a Napoli, Ciro», l’invito di un tifoso. Immobile così a Napoli crolla. Persino nell’abbraccio del Lazio Club Campania, pronto a eleggerlo membro onorario del club: «Un ragazzo come noi che con gloria e onore ci rappresenta, sintetizzando il giusto connubio tra le origini campane e la fede calcistica che accomuna tutti i membri del nostro club», la motivazione. Targa consegnata presso l’Hotel Paradiso, soggiorno napoletano della squadra di Inzaghi. L’albergo prediletto di Diego Maradona, quello prescelto da Lotito per non sfidare la sorte.

OCCHIO, MALOCCHIO E LOTITO

FORTUNA – Ma non porta fortuna a Immobile, porta piuttosto Fortuna a Inzaghi: al centro della difesa ecco Wallace, un muro davanti agli scugnizzi partenopei. Decisivo e nettamente migliore in campo. Il top per anticipi (4) e addirittura disimpegni (6). Lazio, Fortuna a te in trasferta: appena 3 gare perse nelle ultime 18 fuori casa. A Napoli l’impresa diventa ancora più grande: solo Milan e Roma erano usciti imbattuti nelle ultime 24 partite giocate all’ombra del Vesuvio. Nessuno però con l’atteggiamento aggressivo mostrato dai biancocelesti. Che, a loro volta, dovranno modificare un inquietante trend, forse proprio per l’eccessivo dispendio d’energie nella prima frazione di gioco: 10 dei 13 gol subiti sono arrivati nei secondi tempi. Ad ogni modo la Lazio ha già pareggiato  4 delle 6 partite in cui è andata in svantaggio. Quasi il 67%, è la percentuale migliore della Serie A: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy