Immobile-Parolo: il derby e una grande occasione

Immobile-Parolo: il derby e una grande occasione

Immobile e Parolo vogliono ripartire con un derby da protagonisti, per lasciarsi alle spalle la disfatta con la Nazionale…

di Lorenzo Ottaviani

ROMA – La speranza, l’ansia, la lotta e infine le lacrime. L’Italia è fuori dal Mondiale dopo sessant’anni. Colpo durissimo per la Nazionale e per l’intero movimento calcistico nostrano, che si trova davanti ad un vero e proprio Anno Zero. C’è molto da rammaricarsi e da rifondare, partendo dalle ultime sei partite disputate dai ragazzi del ct Ventura. Ma per alcuni di loro c’è la possibilità di rifarsi subito, di tornare immediatamente in campo in un’altra sfida decisiva, questa volta con il proprio club. Ciro Immobile e Marco Parolo forse adesso ringrazieranno di avere davanti a loro un altro impegno probante e complesso come il derby della Capitale.

CIRO ‘IL GRANDE’

Immobile

Il bomber biancoceleste ieri sera ci ha provato. E’ andato vicino al gol del vantaggio a più riprese – soprattutto con un tiro rinviato sulla linea dalla difesa svedese – ma senza trovare la gioia del gol. Una gioia che sta provando come nessun altro in questi primi mesi di Serie A. Il capocannoniere del campionato ha già fatto male in passato ai cugini giallorossi, e l’obiettivo è chiaramente quello di ripetersi nel match del prossimo week-end. La difesa della Roma è solida ed esperta, non sarà facile perforarla; ma Immobile è il centravanti più pericoloso della Capitale e, malgrado delle condizioni fisiche non eccelse, farà di tutto per essere della partita.

 

PAROLO ‘IL GRINTA’

Parolo

Uno degli ultimi ad arrendersi ieri, Marco Parolo. Il centrocampista di Gallarate si è fatto in quattro, ma alla fine i suoi sforzi si sono rivelati vani. Ammirabile come sempre però la sua grinta, l’indole al sacrificio e la determinazione che gli hanno permesso di entrare nel cuore dei tifosi della Lazio. Adesso il numero 16 vede la Roma: avversaria giurata da contrastare e battere per continuare a sognare in grande. Il fallimento è alle spalle, la gloria lì davanti. Sabato si torna in campo, lo Stadio Olimpico di Roma, per dimostrare che le difficoltà sono delle basi sulle quali costruire un palazzo di successi e nuove soddisfazioni. E intanto la moglie Jessica consola Ciruzzo: CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy