Inzaghi alla Ferguson: in futuro allenatore-manager

Inzaghi alla Ferguson: in futuro allenatore-manager

L’idea è quella di rimanere per molti anni ancora alla Lazio, ma in maniera affascinante

1 Commento

ROMA – Inzaghi vuole mettere radici. Profonde. Ed essere il “Sir Alex” versione biancoceleste, sottolinea ilMessaggero. “Voglio essere il primo allenatore nel nuovo stadio della Lazio”, uno dei principali sogni dell’allenatore. Nell’ultimo atto trionfale in Europa, il tecnico cerca di mettere a segno il gol più importante, sottolineando ancora una volta il suo legame con il club. Stasera con lo Zulte, l’allenatore rivoluziona la squadra, cambiando dieci giocatori su undici, ma sposta l’attenzione sul suo futuro, facendolo in modo particolare e in maniera affascinante. Già perché il tecnico, probabilmente sulla scia di quanto sta accadendo alla Roma, nonostante ci sia la partita con i belgi da giocare, apre a sorpresa il discorso sullo stadio di proprietà e rivela: “Girando per l’Europa ti rendi conto di quante società abbiano il proprio impianto ed è una cosa fantastica. E se devo essere sincero, uno dei miei sogni è quello di essere il primo allenatore della Lazio nel nuovo stadio e di vincere. E’ una cosa positiva per tutti quanti e a me piacerebbe esserci”.
MODELLO FERGUSON
Una frase buttata lì, che fa infervorare i tifosi laziali, ma allo stesso tempo anche un segnale importante e fin troppo chiaro per il futuro, considerato che l’eventuale realizzazione del nuovo impianto laziale non è certo dietro l’angolo. Anzi, visto quanto sta accadendo ai giallorossi, il cammino che intraprenderà il presidente Lotito da qui a breve sarà velocissimo per lo stadio sulla Tiberina, l’iter un po’ meno e comunque si vedrà. Quello che ha voluto far intendere e ribadire Inzaghi ancora una volta, non è tanto il nuovo impianto, quanto lui si vede sulla panchina biancoceleste per tanti e tanti anni ancora. Il lavoro che sta facendo alla Lazio è sotto gli occhi di tutti e gli estimatori non fanno che aumentare, ma Simone è davvero legato al club che l’ha cresciuto e lanciato. Il suo vero sogno, sin dai tempi in cui allenava la Primavera, era sì di salire in prima squadra ma di restarci per almeno dieci anni, se non di più. Per questo è rimasto sempre affascinato da Alex Ferguson e dall’idea di legarsi alla Lazio per anni, plasmare e formare una squadra da vertice e vincere trofei. Una cosa mai vista in Italia, se non in qualche modo con Ancelotti nel Milan, ma lui vorrebbe tanto infrangere questo specie di tabù. E all’interno del suo nuovo contratto c’è proprio questa possibilità.
PARTITA E FELIPE
Sulla gara, il tecnico conferma i tanti cambi e, guarda caso, esalta i giovani della Lazio. Sempre il futuro. “Stanno facendo benissimo e meritano di giocare”, dice Inzaghi che stasera, a parte Murgia e Crecco, darà la possibilità a Miceli, classe ’99 di giocare dall’inizio. Accanto a lui c’è Felipe Anderson che stasera con lo Zulte tornerà a giocare dopo quattro mesi di stop. “Non sono al massimo – ammette il brasiliano -, ma vorrei arrivare presto al cento per cento per dare qualcosa in più alla Lazio e ai miei compagni. Ruolo? Spero di giocare in avanti e fare più gol possibili”. Per lui e, forse per Wallace, ci sarà una chance negli ultimi trenta minuti di partita.
Cittaceleste.it

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. giacomospina7_984 - 5 giorni fa

    Se Poi sbaglia una stagione lo cacciano.meglio non fare progetti a Lungo termine

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy