Juventus-Lazio: un big-match per grandi assenti

Juventus-Lazio: un big-match per grandi assenti

A meno di una settimana dal confronto fra le due squadre, Inzaghi e Allegri dovranno ancora fare a meno di due elementi determinanti: Felipe Anderson e Miralem Pjanic…

di Lorenzo Ottaviani

ROMA – Ci si avvicina sempre di più ad uno dei big-match dell’ottava giornata d’andata del campionato di Serie A. Juventus-Lazio negli ultimi anni è stato uno scontro piuttosto semplice per gli scommettitori: 1 fisso. Questo anche per l’effetto dello Juventus Stadium, vero e proprio fortino per i bianconeri – la Vecchia Signora non ha mai perso fra le mura amiche da quando è stato costruito – che rappresenta tutt’ora un vero e proprio spauracchio per le squadre avversarie. Quest’anno però i ragazzi di Inzaghi hanno dimostrato di poter battere i bianconeri in casa – anche se effettivamente si giocava allo Stadio Olimpico -, imponendosi per 2-3 nella finale di Supercoppa Italiana giocata lo scorso agosto. Nel match di sabato prossimo entrambe le squadre dovranno fare a meno di diversi calciatori, assenti per infortunio. Fra questi emergono due tra i maggiori talenti non solo delle due compagini, ma dell’intero campionato italiano: Felipe Anderson e Miralem Pjanic.

SPRINT SULLA FASCIA

FA10

A causa di un infortunio rimediato contro il Bayer Leverkusen in estate, il talento di Brasilia deve ancora disputare la sua prima partita ufficiale in questa stagione. La sua capacità di mandare in porta i compagni e il dribbling rapido di cui è dotato, rendono Anderson un esterno imprevedibile e pericoloso per le difese avversarie. Finora la Lazio ha patito la mancanza di un uomo come lui, in grado di cambiare la partita con un’accelerazione o una giocata estrosa, anche se la crescita esponenziale del rendimento di Luis Alberto ha limitato i danni. La difesa della Juventus, sempre forte ma meno solida rispetto alle passate stagioni, potrebbe beneficiare molto dell’assenza del brasiliano. Anche se ovviamente dovranno guardarsi da giocatori altrettanto temibili come il sopracitato spagnolo, il ‘Sergente’ Milinkovic-Savic e il bomber Ciro Immobile.

GEOMETRIE IN MEZZO AL CAMPO

pjanic

Il playmaker bosniaco è diventato fondamentale nello scacchiere tattico di Allegri. Arrivato dalla Roma per 32 milioni di euro due estati fa, il numero 5 non ha sofferto particolarmente il salto ed è diventato subito titolare in bianconero. Il passato romanista non lo rende simpaticissimo ai tifosi biancocelesti, ma il suo talento è indiscutibile: abile nei passaggi e una sentenza sui calci piazzati, Pjanic rischia di lasciare un vuoto difficilmente colmabile all’interno del centrocampo juventino – nonostante le ottime riserve presenti in rosa -. Ora bisognerà solo vedere quale assenza peserà di più nell’economia della sfida di sabato: chi vince, spicca il volo in classifica. Queste invece le notizie raccolte in esclusiva dalla nostra redazione riguardo il rinnovo dell’olandese Stefan de Vrij: CONTINUA A LEGGERE

13.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy