LA CONFERENZA – Pioli: “La Lazio crede ancora all’Europa. Io alleno una squadra viva” – GUARDA IL VIDEO IN HD

LA CONFERENZA – Pioli: “La Lazio crede ancora all’Europa. Io alleno una squadra viva” – GUARDA IL VIDEO IN HD

Il mister biancoceleste presenta la gara contro il Verona

ROMA – Presso il centro sportivo biancoceleste prende parola il mister laziale, Stefano Pioli. Di seguito, quanto evidenziato da Cittaceleste: “Domani dobbiamo fare bene e quindi vincere la partita col Verona. Troveremo un avversario in buone condizioni, che vuole fare la gara. Per come i miei giocatori stanno lavorando, mi sembra che credano ancora all’Europa. Le ultime giornate non siamo riusciti a vincere, ma ci stiamo preparando con grande convinzione. Io schiererò la formazione migliore”. Torna Candreva: “Ha superato l’infortunio alla caviglia, rimediato col Napoli. Spero di rivederlo al top”. Non c’è poco gioco sulle fasce laterali, assicura il mister: “Siamo la squadra che crossa di più, ci manca la finalizzazione, l’attacco alla porta e fare la scelta giusta al momento giusto. Dobbiamo muoverci meglio e avere altri tempi di gioco”. Al centro dell’attacco però c’è poco cinismo: “E’ un dato oggettivo, stiamo segnando poco con i nostri centravanti, ma gli inserimenti dei centrocampisti sono sempre stati il nostro punto di forza”. Adesso mancano anche quelli…

FUTURO – Da uomo dei miracoli a Yesman dei tristi oracoli. Nell’ultima conferenza stampa, prima dell’ennesimo risultato amaro a Genova, sembrava aver lasciato trapelare, fra le righe, che il suo futuro poteva essere in discussione a fine stagione. Invece no: “Ho letto in questi giorni cose che mi hanno lasciato stupito. Io ho detto, la settimana scorsa, che le somme le tireremo a fine stagione, perché ho sempre fatto così e mancano 14 partite di campionato. Spero di avere ancora 8-9 partite d’Europa League, io sono concentrato perché questa stagione sia la migliore possibile. Adesso siamo indietro anche rispetto alle mie aspettative, io speravo di dare continuità al lavoro fatto l’anno scorso. A Genova tuttavia ci è mancato solo il gol, i risultati influenzano anche i giudizi sulle mie scelte. Finché la matematica non ci darà torto, il nostro obiettivo rimane l’Europa”. Le ultime chance si giocano nelle prossime 3-4 partite, senza scontri diretti: “E’ il momento dove, nel girone d’andata, abbiamo raccolto tanti punti e dobbiamo ripeterci. Io alleno ancora una squadra viva”.

DOWN – Perché non è Felipe? “L’anno scorso ha ottenuto risultati eccezionali, ma tutte le prestazioni singole l’anno scorso sono state diverse ed eccezionali. Tutta l’orchestra girava, quindi ci sono responsabilità individuali, ma anche di squadra”. Del Neri è convinto che l’Olimpico semi-chiuso sarà un vantaggio per la Lazio, senza fischi: “Il nostro ambiente quest’anno non è ideale ed è sotto gli occhi di tutti. Ci sono le nostre responsabilità, ma io preferisco giocare comunque in uno stadio pieno, anche se polemico. Del Neri è un ottimo allenatore, metterà in campo strategie vincenti, ma è ciò che cercherò di fare pure io”. L’arbitro Irrati lo ha bacchettato per essersi opposto alla sospensione, dopo i buu a Koulibaly: “Non sono rimasto sorpreso dalle sue dichiarazioni, ma non replico”.  La Lazio è la squadra che commette più falli, ma non riesce a essere cattiva sotto porta: “Anche l’anno scorso c’è stato un momento che non concretizzavamo il gioco, tre partite senza segnare sono troppe. Quindi domani mi aspetto altro”. Lancerà la manovra, Biglia: “Lucas è recuperato perché non ha più problemi, ha bisogno di giocare”.

 

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy