La Lazio a Catania: Reja cambia tutto?

La Lazio a Catania: Reja cambia tutto?

CATANIA – Ha provato Onazi. Sta pensando a Mauri. Non scarta l’ipotesi legata a Keita. E’ il dilemma di Reja. Ieri pomeriggio, in partenza per Catania, non aveva ancora deciso la formazione. Doveva assegnare un posto, gli altri dieci erano già stati assegnati. La riflessione più delicata, perché intorno al…

CATANIA – Ha provato Onazi. Sta pensando a Mauri. Non scarta l’ipotesi legata a Keita. E’ il dilemma di Reja. Ieri pomeriggio, in partenza per Catania, non aveva ancora deciso la formazione. Doveva assegnare un posto, gli altri dieci erano già stati assegnati. La riflessione più delicata, perché intorno al prescelto ruoterà tutto il resto e verrà disegnato il centrocampo. Il tecnico friulano, all’inizio della settimana, era partito dall’idea di tornare al 3-4-3 utilizzato nelle partite con Udinese, Juve e Chievo. Poi ha virato lentamente verso la difesa a quattro, una linea di condotta avvalorata ieri dalle prove sul campo di Formello e in conferenza-stampa. Davanti a Berisha, ancora titolare, il quartetto formato da Konko, Biava, Dias e Radu è fuori discussione e verrà confermato in blocco. Toccherà ancora ai magnifici quattro, con lo scudo di Ledesma, in condizione brillante, e l’appoggio di Biglia, squalificato nel derby e promosso da Reja per senso tattico e capacità di palleggio.

 

 

LE PROVE – Nell’allenamento di rifinitura Edy ha provato il 4-3-3. Onazi il cursore preferito a Gonzalez, Ledesma il playmaker arretrato e Biglia nel ruolo di mezz’ala sinistra. Candreva e Lulic si muovevano sulle corsie esterne e Klose agiva da punta centrale. L’esperimento non lo ha convinto in pieno, perché l’ex centrocampista dell’Anderlecht ha la tendenza ad abbassarsi, ricevendo il pallone dai difensori, e anche perché non sarebbero garantiti gli inserimenti sufficienti per accompagnare il centravanti tedesco. Così i dubbi sono riemersi e lo stesso Reja, durante la conferenza-stampa, ha fatto capire come stesse pensando al rilancio di Mauri. L’ha visto in crescita durante la settimana, in passato ha ricoperto il ruolo di mezz’ala sinistra, potrebbe muoversi come nel secondo tempo del derby, trequartista in appoggio a Klose e con il compito specifico di non concedere libertà di palleggio a Lodi, playmaker del Catania. Ecco perché, alla fine di tutti i ragionamenti, la Lazio oggi dovrebbe scendere in campo con il 4-2-3-1: Mauri davanti a Biglia e Ledesma, Candreva e Lulic esterni, Klose terminale offensivo.

 

BIMBO – Dietro al capitano, conserva qualche possibilità di entrare nel blocco dei titolari Keita, grande protagonista al Bentegodi due settimane fa e sostituito nell’intervallo del derby. Qualora Reja scegliesse lo spagnolo-senegalese, la Lazio si disporrebbe quasi certamente con il 4-4-2. L’ex enfant prodige del Barcellona agirebbe a sostegno di Klose. Difficilmente sarebbe collocato largo a sinistra, perché il friulano non è convinto di utilizzare Lulic nel ruolo di interno. Nelle ultime due stagioni il bosniaco ha giocato stabilmente sulla fascia e nel derby sono emersi i suoi limiti di palleggio. Ceduto Hernanes, la Lazio ha la necessità di privilegiare nel governo della manovra i centrocampisti più dotati sotto il profilo tecnico. La terza opzione sarebbe legata a Onazi, il più rapido e dinamico dei mediani, da aggiungere a Biglia e Ledesma. Ma la prova di ieri mattina non ha convinto Reja, preoccupato di assistere in modo diverso e più incisivo Klose. Nell’ordine quindi Mauri, Keita e Onazi per l’ultimo posto in formazione.

 

CRECCO O PEREA – Nella lista dei 24 convocati sono entrati anche Brayan Perea, lasciato a riposo ieri mattina per una lieve contrattura al retto femorale della coscia destra, e Luca Crecco, che si è riunito al gruppo della prima squadra dopo il successo a Catania con la Primavera di Inzaghi. A uno dei due toccherà la tribuna. Reja spera di poter portare il colombiano in panchina, altrimenti avrebbe soltanto Keita come attaccante di riserva. Un motivo in più a favore del ritorno di Mauri dal primo minuto in una partita ufficiale. (Corriere dello Sport)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy