QUARTO POTERE – Tutti zitti: la Lazio ha preso un fenomeno

QUARTO POTERE – Tutti zitti: la Lazio ha preso un fenomeno

Di Roberto Maccarone | ROMA – Regola numero uno: se lo prende la Lazio, sicuramente non è un gran colpo. Al massimo buon colpo, sì. Ma non un gran colpo. Regola numero due: se lo prende la Juve… allora sì. E’ un campione, un fenomeno. E non ti sbagli. Un…

Di Roberto Maccarone | ROMA – Regola numero uno: se lo prende la Lazio, sicuramente non è un gran colpo. Al massimo buon colpo, sì. Ma non un gran colpo. Regola numero due: se lo prende la Juve… allora sì. E’ un campione, un fenomeno. E non ti sbagli. Un gioiello pescato dall’acuta dirigenza bianconera. Prendete appunti. No, per dire: qualcuno ha visto prime pagine su Ricardo Kishna? Qualcuno ha visto servizi in tv a riguardo con sottofondo pop, speakerati utilizzando termini un po’ social, un po’ english? Se fosse, ce lo segnali. Nel frattempo, la Lazio s’è portata a casa un fiore. Sboccerà a Roma, all’ombra del Colosseo. Peccato, per la nebbia di Torino. Vale però la pena fare un breve viaggio nel passato, nemmeno troppo remoto. Quello in cui Kishna era praticamente ad un passo dalla Juve. Prendetevi allora due minuti e guardate com’è che veniva descritto da – ad esempio – Mediaset e Sky. 

23 GENNAIO 2015 – SPORTMEDIASET.IT / PREMIUM CALCIO

“JUVE SU KISHNA – Ha 20 anni da due settimane e già lo paragonano a Di Maria e Ronaldo. Bianconeri pronti a un Pogba-bis”

Come anticipato dal nostro Daniele Miceli a Calciomercato su Premium Calcio, la Juve ha messo gli occhi su Ricardo Kishna, nuovo talento dell’infinita e ricca industria calcistica dell’Ajax già nella scuderia di Mino Raiola. Il ragazzo, 20 anni appena compiuti (è del gennaio 1995, ndr), è stato offerto ai bianconeri e potrebbe arrivare a giugno o, al più tardi, nel 2016, quando scadrà il suo contratto con gli olandesi. Kishna, nel frattempo, è già marchiato con etichette pesanti: “Il Di Maria olandese; ma anche “Il nuovo Cr7”. I paragoni sono pesanti. Proprio come lui, 186 centimetri di esuberanza fisica prestata a una qualità di palleggio da giocoliere. Una quercia con i movimenti di un funambolo, a tratti irridente quando dall’alto della stazza balla sul pallone ricordando – dare un’occhiata per credere – movenze e giochi di prestigio del Pallone d’Oro portoghese. Kishna è un mancino naturale ma, come da moda del momento, gioca col piede invertito. Nell’Ajax Frank De Boer, che se ne è calcisticamente innamorato, lo fa partire da destra: da lì ha licenza di correre, smazzare e segnare. Allunghi, assist e progressioni devastanti per uno che nelle giovanili, visto il fisico alla Ibra, ha fatto pure la punta centrale. A venti anni Ricardo Kishna è già un calciatore totale. Marchio Ajax, inconfondibile. Una garanzia. La Juve ci pensa. (LINK ORIGINALE)

25 MARZO 2015 – ALESSANDRO SUGONI DI SKYSPORT PER CALCIOMERCATO.IT

“KISHNA, DESTINO DA CAMPIONE. HA QUASI TUTTO: E’ UN CAPOLAVORO DELL’AJAX”.

“Tra le regole non scritte del calciomercato ce n’è una molto semplice: se Mino Raiola si assicura la procura di un giocatore, significa che al giocatore in questione è facile pronosticare un grande futuro. O meglio un futuro in una grande. Soprattutto se ha vent’anni e un grande talento. Come Ricardo Kishna. L’ennesimo capolavoro prodotto da quella fabbrica infinita di talenti che è il settore giovanile dell’Ajax. Padre che arriva dal Suriname, madre olandese, Kishna è un giocatore che ha tanto, quasi tutto. Ottima tecnica, ma anche una grande forza fisica (è alto più di un metro e ottantacinque), grande controllo di palla e notevole capacità di dribbling. La sua dote però probabilmente è quella che non si vede: una personalità che va ben oltre i suoi 20 anni e che lo rende capace di osare e tentare anche le giocate più difficili. Ama partire dalla fascia, sia dalla sinistra che dalla destra, da dove può sfruttare al meglio il suo piede sinistro per regalare tanti assist ai suoi compagni (la sua vera specialità), ma anche per calciare in porta. Da lì sono arrivati molti dei suoi gol, spesso bellissimi. E questo – volendo – è un po’ anche il suo limite: quando avrà imparato a farne anche di meno belli, ma avrà aumentato i suoi numeri (finora quest’anno solo 7 in stagione) allora potrà dirsi un attaccante completo. Intanto in una sola stagione (dopo aver fatto tutte le nazionali giovanili olandesi, ha esordito in prima squadra nell’Ajax solo l’anno scorso) Kishna è diventato un punto di riferimento imprescindibile per De Boer, con cui pure non sono mancati momenti di confronto. Il suo contratto è in scadenza nel 2016, la prossima estate potrebbe essere quella giusta per assicurarselo. In fondo è uno che davanti ha un futuro da campione: parola di Mino Raiola”. (LINK ORIGINALE)

15 GENNAIO 2015 – TUTTOSPORT.COM

“LA JUVE SUL NUOVO DI MARIA”

“Ha esordito con l’Ajax dei grandi nell’amichevole disputata venerdì sera in Turchia contro il Galatasaray. Si giocava per l’accesso alla finale dell’Antalya Cup 2014, competizione alla quale prendono parte pure il Celtic e il Trabzonspor, prossimo avversario della Juventus nei sedicesimi di Europa League. Ma il risultato (2-1 per i giustizieri dei bianconeri in Champions) non è l’elemento più importante per i vertici di corso Galileo Ferraris. A Beppe Marotta può interessare concretamente Ricardo Kishna, 19 anni, di professione attaccante esterno abile a giostrare su entrambe le fasce con risultati egualmente notevoli. Sinora l’olandese si era fatto “vedere” nelle giovanili dei lancieri, dove ha attratto l’attenzione di decine di osservatori, intrigati dalla sua capacità di giocare con una naturalezza che a quell’età è difficile riscontrare in altri talenti. In particolare, ha disputato l’intera partita dell’Ajax col Barcellona nella Youth League di questa stagione, il suo debutto in una competizione Uefa. E pure in questo caso lo 0-4 per i catalani non deve ingannare”. (LINK ORIGINALE)

23 GENNAIO 2015 – SANDRO SABATINI (PREMIUM SPORT, EX SKYSPORT)

“La Juve vuole Kishna, l’ultimo gioiello di Raiola. E’ un fenomeno assoluto”

“Lo chiamano “Il Di Maria olandese”. Addirittura, “Il nuovo CR7″. Basta guardarlo in azione, sulla fascia, per capire che ha piedi e testa da fenomeno. E quando è stato impiegato da De Boer in attacco, come punta centrale dell’Ajax, qualcuno ha detto:“Ehi, sembra di rivedere Zlatan!”. Insomma, capite bene che il ragazzo, almeno stando a quanto ha fatto vedere finora ad Amsterdam, è un fenomeno assoluto”. (LINK ORIGINALE)

Bello no? Bene. Kishna – oggi – è un calciatore della Lazio. Qualcuno avverta il Quarto potere


Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy