La Lazio “salva” il Crotone, non la faccia né il quarto posto

La Lazio “salva” il Crotone, non la faccia né il quarto posto

Questo il commento di Crotone-Lazio al termine dell’ultima giornata di campionato

CROTONE – Salvato il Crotone, Lazio ormai travolta da ogni tormentone, così chiude malissimo questo finale di stagione. Quarto posto sfumato, Lotito è a dir poco infuriato, Inzaghi sempre più preoccupato. Non tanto per il terzo ko consecutivo, ma perché ora – oltre all’addio eventuale dei big – bisognerà fare presto anche sulla difesa un consuntivo. Impossibile banalizzarlo a una squadra ormai senza testa, è assurdo aver in qualche modo (col quinto posto) rovinato la festa.

PARTITA

Il Crotone al primo tiro va in vantaggio: Basta si perde la marcatura, Nalini non sbaglia il primo gol in serie A e trafigge col piattone un incolpevole Strakosha.  Al 22’ raddoppio di Falcinelli sugli sviluppi di un calcio da fermo: l’attaccante calabrese anticipa di testa un disastroso Bastos (ammonito dopo l’ennesimo intervento in ritardo che provoca la punizione) e – con l’aiuto della traversa – brucia la Lazio. Nelle ultime 10 gare ufficiali la Lazio ha subito 25 gol (solo la Roma non è riuscita a segnarne più di uno), quasi il 40% di tutti quelli incassati (59) tutto l’anno. Bastos poi riesce pure a complicare ogni cosa: prende il doppio giallo per un altro anticipo in ritardo su Nalini. Nella ripresa quest’ultimo chiude il match di testa al 60’: lasciato completamente solo in area da tutti.

RECORD

Solo un uomo si salva per tenacia e numeri. Mai così Ciro al bersaglio: 23esimo centro in serie A, meglio d’Immobile capocannoniere (a quota 22) a Torino. Il napoletano dal dischetto supera il suo record di sempre e trascina pure lo squalificato Keita (fermo a 16) sopra Casiraghi e Signori, sino a oggi la coppia più prolifica di sempre con 38 reti nel 1996. Ciro e Balde salgono a 39 e sarebbero 40 se Rocchi – oltre al penalty su Patric – concedesse poco dopo il bis sull’atterramento d’Immobile stesso. Alla fine però pure Ciro s’arrende. Salvato il Crotone, non la faccia

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy