LA STRATEGIA – Lazio più forte con 4 colpi!

LA STRATEGIA – Lazio più forte con 4 colpi!

ROMA – Pioli è in vacanza a Formentera, sbarcherà a Roma nelle prossime ore, da domani in poi ogni giorno sarà buono per intavolare il vertice con Lotito e Tare. La nuova Lazio prenderà forma dopo l’incontro società-allenatore, dopo un confronto ad ampio raggio, a 360 gradi come si suol…

ROMA – Pioli è in vacanza a Formentera, sbarcherà a Roma nelle prossime ore, da domani in poi ogni giorno sarà buono per intavolare il vertice con Lotito e Tare. La nuova Lazio prenderà forma dopo l’incontro società-allenatore, dopo un confronto ad ampio raggio, a 360 gradi come si suol dire. Si partirà dal rinnovo del tecnico, si proseguirà con i rinnovi di alcuni uomini chiave: da Radu a Marchetti passando per Lulic dando per scontata la permanenza di Mauri (si legherà al club per un’altra stagione).

I colpi. Lotito ha promesso acquisti di valore, sulla falsariga di quelli centrati durante la scorsa estate. Hoedt, Morrison e Patric fanno già parte della Lazio che verrà, a loro s’aggiungeranno innanzitutto uomini buoni per il centrocampo e l’attacco. Le priorità sono due: una mezzala e una punta esterna. La società progetta anche di acquisire un vice Biglia e un esterno di fascia sinistra (Lulic, dopo i ripetuti no al rinnovo, è in partenza). In difesa, solo dopo le eventuali cessioni di Cana e Novaretti, si penserà ad una pedina in più da aggiungere a De Vrij, Gentiletti, Mauricio e Hoedt. Quattro acquisti di base, sono questi i piani. Quattro acquisti da centrare durante il corso del mercato, non in fretta e furia. Il futuro sarà pianificato definitivamente nel summit con Pioli. Sta a lui stabilire le linee guida tattiche, sta a lui individuare il modulo principale su cui sarà edificata la nuova Lazio. La difesa a tre è stata più di un esperimento, l’assetto a quattro ha dato i frutti sperati. Nascerà una Lazio multiforme, su questo non c’è dubbio. Ma una base di partenza va decisa per lanciare gli assalti di mercato. Il diesse Tare ha già nomi ben precisi scritti sulla lista della spesa, li sottoporrà all’attenzione dell’allenatore. Non è mai facile migliorare una squadra funzionante, un meccanismo oleato. E’ la nuova sfida di Lotito e Tare, devono confermare la crescita, devono dare segnali di continuità, a volte in passato non è accaduto, dopo i voli si sono rischiate cadute rovinose. Il presidente ha promesso nuovi sogni, sempre più belli e grandi. Sarà una stagione lunga, inizierà in salita, con la sfida-rivincita alla Juve in Supercoppa Italiana, con i preliminari di Champions. E’ stato sciolto il rebus Klose, continuerà a giocare, si riaffiancherà a Djordjevic. E’ stato confermato il fronte centrale dell’attacco, è un problema in meno da affrontare. Il reparto offensivo andrà completato aggiungendo un uomo con caratteristiche diverse dai due bombardieri già conosciuti (hanno segnato 21 gol in due nell’ultima serie A). Una punta esterna, ecco cosa serve.

 

Gli assalti. C’è stato un piccolo rallentamento nelle operazioni, le condizioni di salute di Igli Tare hanno fatto slittare alcuni incontri. Il diesse sta ricaricando le batterie e già dalle prossime ore inizierà a lanciare gli assalti di mercato. Il progetto non cambia, sarà arricchito. I giovani in organico (quelli già presenti e quelli che ne faranno parte) dovranno crescere, la panchina dovrà fornire forze fresche, le ambizioni dovranno consolidarsi. La Lazio ha sfiorato l’aggancio al secondo posto, avrebbe meritato l’accesso ai gironi di Champions. E’ l’obiettivo del prossimo anno, non a caso la società vuole far sottoscrivere a Pioli un contratto di tre anni totali (due stagioni più l’opzione per la terza). Sono gli ultimi giorni di calma apparente, s’aspetta lo sbarco del tecnico per infiammare il mercato. E’ questione di giorni, servirà qualche ora in più per iniziare a modellare la nuova creatura biancoceleste. I tifosi fremono. S’è partiti ascoltando voci improbabili di mercato (vedi il caso Van Persie), ieri dalla Turchia hanno provato a far credere che Lotito è pronto a piombare nuovamente sull’attaccante Yilmaz, il fantasma di ogni mercato recente. Calma e gesso: non ci sono l’urgenza e la frenesia di un anno fa, servono acquisti chirurgici e intelligenti, senza mai smettere di sognare. La nuova era è appena iniziata, il bello deve venire. (Corriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy