L’analisi, Inzaghi di più non può fare

L’analisi, Inzaghi di più non può fare

E’ bella la sua Lazio, è motivata, aggredisce nei primi 15 minuti, ha risolto quel problema atavico che la portava a subire in avvio. Simone Inzaghi ha superato l’esame tattico, ha trasmesso lazialità, grinta

Inzaghi
ROMA – Tra il “tiki-taka” e il “cholismo” di Simeone pensa che il suo calcio sia «una via di mezzo». Simone Inzaghi ha schiantato l’amico e maestro Mancini, il 2-0 all’Inter rafforza la sua posizione, ma è ancora tutto in gioco, è ancora tutto aperto per la panchina del futuro. «Il mio futuro? Sono tranquillo», ripete il tecnico della Lazio. Ha vinto tre partite su cinque, quando ha trionfato non ha mai subito gol. Simone – analizza il Corriere dello Sport – si danna per la sconfitta con la Samp, rischia di essere decisiva in ottica europea: «Non riesco a toglierla dalla testa», ripete. Inzaghi ha messo in scacco Mancio, ha regalato una notte felice ai tifosi laziali. L’Europa s’intravede di nuovo, ma le possibilità d’acchiapparla restano limitate, il futuro non dipende solo dalla Lazio. Simone Inzaghi di più non può fare. Ha ridato speranza alla squadra, le ha dato un gioco e un’anima. S’è imposto proponendo un calcio dinamico, a tratti aggressivo nonostante assenze e indisponibilità varie (pesanti quelle di Candreva e Klose a Genova). E’ bella la sua Lazio, è motivata, aggredisce nei primi 15 minuti, ha risolto quel problema atavico che la portava a subire in avvio. Simone Inzaghi ha superato l’esame tattico, ha trasmesso lazialità, grinta. E’ un allenatore-trascinatore, sa toccare le corde giuste, è ambizioso, parla di mentalità vincente, sa cos’è, immagina la Lazio del futuro così: «Se siamo da scudetto? La Juventus è la Juventus, ma penso che la Lazio con questa mentalità se la possa giocare con tutte le altre, Roma e Napoli comprese». Dalla panchina della Lazio non si farà allontanare facilmente, ci è riuscito solo l’arbitro Banti. Il retroscena è curioso, l’ha svelato Simone dopo Lazio-Inter: «L’ultima espulsione da calciatore l’ho ricevuta da Banti, anche la prima tra i professionisti…».
Cittaceleste.it
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy