Lazio, anche lo spogliatoio d’Auronzo nel caos: “Quest’anno pensiamo a salvarci”

Lazio, anche lo spogliatoio d’Auronzo nel caos: “Quest’anno pensiamo a salvarci”

Il rischio della serie B non aleggia soltanto fra i tifosi, ma anche fra i giocatori biancocelesti

 AURONZO DI CADORE – C’è uno strano clima che circonda la Lazio. Una sorta di quiete prima della tempesta. La temperatura si riscalda ogni giorno di più, gli animi cominciano ad andare in ebollizione e qualche sbuffo si vede chiaro all’orizzonte. «Dobbiamo pensare prima di tutto a salvarci», sussurra qualcuno dentro lo spogliatoio. Allo stato attuale delle cose si vive con angoscia e preoccupazione. Da dentro poi il mondo biancoceleste assume delle forme ancor più terrorizzanti. Tanti casi, un mercato ancora da fare ma tutto tace. Ad Auronzo di Cadore della società non c’è traccia – scrive oggi IlMessaggero – e questo ha reso ancor di più nervosi i calciatori che avrebbero gradito la presenza di qualcuno a fargli da scudo. Si vive in un clima di semi abbandono. Rispetto agli anni passati, il ritiro attuale sembra quello di una squadra di serie B. E non è un caso che i giocatori, soprattutto i più anziani, si siano guardati in faccia più volte e si siano confrontati. Lo stesso Inzaghi ha chiesto un aiuto, anche lui, uomo di campo e spogliatoio ha capito che questa non sarà certo un’avventura ma un viaggio per cuori forti. Il mancato arrivo di Bielsa è stato un terremoto che ha sconquassato tutto e tutti e le scosse di assestamento fanno ancor più paura. In tanti si sono guardati intorno e hanno espresso il desiderio di andare via. Qualcuno, come Keita, ha sbattuto la porta in malo modo, qualcun altro invece si è cercato una squadra in modo più silenzioso. In tanti hanno dubbi, ma non solo per il mancato arrivo di Bielsa ma perché hanno paura dell’immobilismo di una società che, contrariamente a quanto sbandierato dal presidente Lotito, non ha una linea chiara. All’orizzonte tutto è sfocato. Nemmeno la campagna abbonamenti è partita, il rischio di un flop è conclamato: CONTINUA A LEGGERE
Cittaceleste.it
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy