• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Lazio, c’è qualcosa che non va. Fino ad oggi 25 infortuni, 9 nelle ultime tre partite

Lazio, c’è qualcosa che non va. Fino ad oggi 25 infortuni, 9 nelle ultime tre partite

Parte il processo dopo altri tre ko nella gara di ieri contro il Siviglia: problemi di preparazione o diagnosi sbagliate.

di redazionecittaceleste

ROMA – La Lazio è a pezzi. Il Siviglia è partito a luglio dai preliminari di Europa League e ha già 43 partite sulle gambe. Ieri sera correva il doppio dei biancocelesti e non aveva mezzo acciacco.

eccezzzionale
A inizio stagione la Lazio aveva dovuto fare i conti solo con i ko di Luiz Felipe, Berisha e Lukaku. Nell’ultimo mese finiscono ai box per problemi muscolari gli stessi tre giocatori, ma si aggiungono in una volta Wallace, Bastos, Milinkovic, Luis Alberto e Immobile. Tutti ko muscolari, coi quali potrebbero presto fare i conti anche Radu, Lulic e Leiva sempre più a pezzi. Il centrocampista in realtà già fra ottobre e novembre aveva saltato 6 gare per uno stiramento agli adduttori. Parolo alla vigilia era in uno stato pre-lesionale, adesso si becca pure la distorsione alla caviglia. Unico vero infortunio traumatico, sinora, a meno che non si considerino tali i problemi alla schiena continui di Marusic. In totale sono 25 (non si può considerare l’assenza per febbre di Caicedo) gli infortuni in infermeria in questa stagione, ma nove sono arrivati nelle ultime 3 gare.
SITUAZIONE
Oggi ha effettuato gli accertamenti in Paideia Milinkovic. In teoria il serbo sta puntando il derby, ma c’è chi addirittura spera nel ritorno in campo col Siviglia alla luce degli ultimi progressi. Dovrebbe invece essere in campo già col Genoa, Luis Alberto: lo spagnolo ieri ha solo sentito tirare e ha preferito uscire. Ci sono ancora grossi dubbi sulla presenza d’Immobile, ma ha dato per certo il suo impiego ieri il diesse Tare.

Cittaceleste.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy