Lazio, crescita esponenziale, ora lo sponsor. 3 piste: Azere, Arabe e Cinesi!

Lazio, crescita esponenziale, ora lo sponsor. 3 piste: Azere, Arabe e Cinesi!

ROMA – È una maglia intrisa di sofferenze e gioie, di drammi e miracoli sportivi. Una casacca che incarna alla perfezione la storia della Lazio e che, proprio per questo motivo, è la più amata dai tifosi biancocelesti. È la “maglia bandiera”, quella con l’aquila stilizzata. Che il presidente Lotito…

ROMA – È una maglia intrisa di sofferenze e gioie, di drammi e miracoli sportivi. Una casacca che incarna alla perfezione la storia della Lazio e che, proprio per questo motivo, è la più amata dai tifosi biancocelesti. È la “maglia bandiera”, quella con l’aquila stilizzata. Che il presidente Lotito nella scorsa stagione è riuscito a riportare a casa, acquisendo i diritti dalla famiglia Casoni, ideatrice e detentrice del marchio. Una scelta azzeccata, sia dal punto di vista estetico (non a caso è considerata una delle più belle della storia del calcio) che economico. Lo testimoniano le 50mila unità vendute in tutto il mondo, per un incasso complessivo di circa 4 milioni di euro. È diventata, insieme a quella dello scudetto del 2000, la maglia più acquistata della storia del club. Ecco perché, nonostante i programmi iniziali fossero diversi, molto probabilmente sarà riproposta anche la prossima stagione come “quarta” maglia aggregata (esattamente come nel campionato scorso): ancora da valutare quando utilizzarla, comunque non in Europa (il logo troppo grande non è conforme alle direttive Uefa).

 

Potrebbe essere arricchita da uno sponsor: sempre in ballo le piste azere, arabe e cinesi. La Lazio adesso ha un appeal diverso rispetto al passato, come confermano i dati registrati in termini di audience: 60 milioni di spettatori cumulati tra serie A e Coppa Italia, quinto posto in questa speciale classifica, davanti alla Roma e dietro solo a Juventus, Napoli, Milan e Inter. Seguiranno a breve altre iniziative di marketing: la presentazione della campagna abbonamenti (probabile che lo slogan abbia a che fare con “I giardini di marzo” di Battisti) e del nuovo sito internet: “Il sogno è diventare un’agenzia di stampa biancoceleste”, spiega il responsabile della comunicazione De Martino. Mercato: a breve incontro con Mauri per discutere il rinnovo. Il capitano ha offerte importanti dagli USA e dopo 8 anni potrebbe lasciare la Lazio. (Repubblica.it)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy