Lazio-Genoa, è anche sfida scudetto (1915)!

Lazio-Genoa, è anche sfida scudetto (1915)!

Continuano le iniziative per riportare il terzo tricolore biancoceleste a Formello. Baccini si schiera con Roma…

ROMA – Non c’è solo una partita sul campo, ma anche un’altra in Figc fra Lazio e Genoa. Quest’ultimo iridato in solitario nel 1915 per un’ingiustizia. Dopo oltre un secolo, quello è ancora uno scudetto controverso. Rimangono perplessità nei consiglieri, ci saranno altre discussioni. Poi forse si arriverà alla votazione: il tricolore del 1915 non riesce proprio a tornare nella bacheca della Lazio, ma ormai si è ben capito il motivo di così tanta attesa: ragioni politiche, bisogna superare il rinnovo delle cariche federali di gennaio (quindi febbraio) e l’eventuale rielezione di Tavecchio. Che già si era espresso a inizio settembre di nuovo sulla riassegnazione ex aequo di quel titolo, ora soltanto del Genoa: «C’è una commissione che studierà e valuterà la situazione. Guardate che il percorso ha impiegato cento anni, se ne impiega 101 non cambia niente». In realtà, nella relazione di 10 pagine, già consegnate a fine luglio dalla Commissione dei 5 saggi ai consiglieri, si parla di «evidenti omissioni», che non richiedono chissà quale altro esame.

MIGNOGNA – Il presidente della Lega Pro, nonché consigliere federale, tuona: “Rispetto la storia, ma non capisco la richiesta della Lazio proprio adesso”. Ad Abodi risponde il promotore avvocato Mignogna: “Quel presunto provvedimento non è stato mai notificato nelle forme previste alla Lazio che quindi in qualsiasi momento si è potuta muovere. I termini non sono mai decorsi”. Lo scudetto è stato assegnato al Genoa senza ufficialità: “Non appena lanciata la petizione scrissi alla Figc. La Figc mi rispose che non esisteva la copia dell’ufficialità chiedendone conto al Genoa. Lo stesso club rispose che negli archivi non aveva il provvedimento. L’unica traccia storica che esiste è una comunicazione del 1921 attraverso la rivista ufficiale del Genoa a oltre 6 anni di distanza. Uno Scudetto assegnato a tavolino. Essendo il Genoa la squadra che ha portato il calcio in Italia ci voglio stare che possa aver avuto questa assegnazione”.

GENOVA – Oggi interviene sull’argomento anche il noto cantautore Baccini a Elle Radio: “Bisogna vedere come veniva assegnato lo scudetto all’epoca: lo Spezia ha vissuto una vicenda simile ai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Il Genoa stesso ha perso uno scudetto in quegli anni dei pionieri contro il Bologna: la partita si giocò a porte chiude con la storia che racconta di pesanti favori verso i felsinei. In questa particolare vicenda sono favorevolissimo all’ex aequo: non ci sono testimonianze diretta ma documentazioni dell’epoca, è difficile stabilire con esattezza la verità e l’ex aequo sarebbe un modo per fare giustizia senza paura di sbagliare. Da genoano posso dire che l’Importante è che non venga toccato il titolo del Genoa, giustamente, ma l’assegnazione ex aequo mi sembra un’eccellente soluzione, anche perché un campionato di Guerra presenta particolarità irripetibili“. E allora non resta che attendere febbraio: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy