Lazio, in estate sarà rivoluzione: budget da 40 milioni per 4 grandi colpi

Lazio, in estate sarà rivoluzione: budget da 40 milioni per 4 grandi colpi

ROMA – Una scelta ponderata. Che i tifosi hanno criticato fortemente ma che la società ha valutato attentamente. Perchè vendere Hernanes, vendere Floccari, incassare 22 milioni totali e non investire nemmeno un euro nel mercato di gennaio? Semplice dal punto di vista del presidente Lotito, noi proviamo a spiegarlo ai…

ROMA – Una scelta ponderata. Che i tifosi hanno criticato fortemente ma che la società ha valutato attentamente. Perchè vendere Hernanes, vendere Floccari, incassare 22 milioni totali e non investire nemmeno un euro nel mercato di gennaio? Semplice dal punto di vista del presidente Lotito, noi proviamo a spiegarlo ai tifosi, delusi, arrabbiati, stanchi della politica societaria. In una stagione in cui la Lazio in campionato non può puntare a traguardi di livello ma al massimo provare a centrare la qualificazione in Europa, resta l’Europa League di quest’anno da onorare. Ma già per il fatto che Helder Postiga, arrivato in prestito come Kakuta, non possa giocare partite internazionali perchè già impiegato dal Valencia, fa capire che nemmeno la vecchia Coppa Uefa sia un obiettivo a cui la Lazio tiene particolarmente.

E allora meglio pianificare con calma la prossima stagione. Anche perchè in estate è prevista una mezza rivoluzione in casa biancoceleste. Tanti contratti in scadenza. Alcuni da rinnovare come quelli di Biava e possibilmente quello di Klose che ha dato la sua disponibilità a parlarne, altri che si esauriranno naturalmente come ad esempio quello di Andrè Dias. Poi tanti soldi da spendere. I 22 milioni delle cessioni di gennaio, più quelli che non sono stati spesi per comprare un attaccante come Burak Yilmaz per il quale la Lazio aveva messo in preventivo un esborso vicino ai 12 milioni di euro, più un’altra eventuale cessione eccellente come potrebbe essere quella di Marchetti, uno dei migliori portieri italiani, ultimamente finito in panchina per problemi fisici ma anche per la crescita e l’affidabilità del suo secondo Berisha.

Quindi il budget potrebbe salire addirittura a 40 milioni di euro. 40 milioni necessari per la rivoluzione che hanno in mente a Formello e cioè 4 acquisti di grande qualità. La priorità assoluta è un difensore centrale di esperienza internazionale, al quale verrà affiancato un giovane di prospettiva. In attacco invece, oltre a Djordjevic già prenotato per luglio, Lotito e Tare vogliono prendere un centravanti che possa raccogliere l’eredità di Klose. Arriverà anche un esterno destro basso, con l’inevitabile sacrificio di uno tra Konko e Cavanda.

Nuova Lazio dunque per la nuova stagione. A questa, secondo i calcoli della dirigenza biancoceleste, basta il recupero dei due centrali d’esperienza Biava e Dias, più l’improvvisa ascesa di Keita, il Profetino come lo chiamano a Formello. La scelta di vendere il Profeta Hernanes è stata fatta anche in funzione di questo. Spetta a Keita, il più giovane laziale a giocare un derby da titolare, non far rimpiangere il brasiliano. Spetterà a Lotito invece fra qualche mese, far tornare il sorriso ai tifosi della Lazio, mettendo mano al portafogli per costruire una squadra competitiva anche per i vertici della classifica. (Manuele Baiocchini – Goal.com)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy