LAZIO SCALA 40 – Pioli ha i jolly sulla trequarti e il primato in “rimonta” al 3° posto… E al 2°?

LAZIO SCALA 40 – Pioli ha i jolly sulla trequarti e il primato in “rimonta” al 3° posto… E al 2°?

ROMA (Al.Ab.) – Lazio scala 40. Ormai Pioli, Mauri e compagni giocano a carte scoperte: “Vogliamo il terzo posto”. E, aspettando il Napoli stasera, mancano appena 2 punti per riacciuffarlo. Non solo, in pochi ne parlano, forse per scaramanzia, ma non è un azzardo ora dare persino uno sguardo a…

ROMA (Al.Ab.) – Lazio scala 40. Ormai Pioli, Mauri e compagni giocano a carte scoperte: “Vogliamo il terzo posto”. E, aspettando il Napoli stasera, mancano appena 2 punti per riacciuffarlo. Non solo, in pochi ne parlano, forse per scaramanzia, ma non è un azzardo ora dare persino uno sguardo a quel secondo gradino della classifica, dove la Roma barcolla sul ciglio di un equilibrio instabile. I cugini giallorossi non riescono più a vincere, perdono pezzi e soffrono di pareggite, perché non pensare a risucchiarli in un triangolare per due posti Champions? La missione non sembra impossibile, ma serve continuità. Guai ad alzarsi dal tavolo, mancano ancora troppe giornate.

 

 

CONCRETEZZA – Banchetta, la Lazio, le pietanze non sembrano apparentemente così prelibate. Per carità, c’è una bella torta di Candreva nel sette, ma sono molto più sostanziosi i tre punti nel piatto col Palermo. Senza un gioco stratosferico, con una cassata di Mauricio, ma con un cinismo che fa davvero venire l’acquolina in bocca. Perché forse la Lazio ha imparato a vincere e nel successo c’è la festa. Altro che tacchi e punta, così si balla davvero sino a fine campionato. L’ottimismo vien mangiando punti, nella rimonta degli avversari c’è una prova di forza.

RIMONTA – La prima Lazio di Pioli spesso vanificava meravigliosi primi tempi con un quarto d’ora d’ordinaria follia nella ripresa. I gol degli avversari nei secondi tempi toglievano ogni divertimento ai tifosi, malinconici all’uscita da ogni stadio. Adesso succede il contrario: una strada avviata dalla prima giornata di ritorno col Milan, dimenticando per un attimo i passi falsi con Cesena e Genoa. I biancocelesti col Palermo fanno finalmente un salto incredibile nella classifica dei secondi tempi: con 28 punti, salgono al 12esimo posto. E grazie alla vittoria di ieri agguantano un primato, da condividere sino a domenica col Sassuolo, prossimo avversario: la Lazio è la squadra che ha vinto più partite (3) dopo essere passata in svantaggio. Era infatti già successo col Parma e, come anzidetto, col Milan.

FANTASIA AL POTERE – La riscossa nel Dna, mancava solo questo ingrediente. Adesso può diventare perfetta la pozione Champions. Il nemico è più in forma fisicamente? Basta mettere in campo le qualità superiori, così esce fuori la classe di Mauri e Candreva. Senza dimenticare il ritorno del Felipe di Dio e finalmente di un più “Balde” Keita . La fantasia può portare la Lazio in paradiso, la trequarti può essere un’arma micidiale. Basti guardare le statistiche dei tiri di ieri: 6-5 nel primo tempo, 10-4 nel secondo, addirittura 7-7 nella prima ora e 9-2 nell’ultima mezz’ora. Sarebbe bello durasse sempre almeno mezz’ora: la Lazio gioca il jolly.

Cittaceleste.it

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy