LE INTERCETTAZIONI – Cosentino a Lotito: “Grazie Claudio, ci ha tolto l’energia negativa…”

LE INTERCETTAZIONI – Cosentino a Lotito: “Grazie Claudio, ci ha tolto l’energia negativa…”

ROMA – «Vedrai vedrai cambierà qualcosa». Così diceva il presidente della Lazio Claudio Lotito ad Antonino Pulvirenti il 26 marzo scorso. Era la vigilia della partita del Catania con l’Avellino, la prima vittoria dopo una lunga serie di sconfitte per la squadra etnea. Nessuno immaginava che la “persona per bene”,…

ROMA – «Vedrai vedrai cambierà qualcosa». Così diceva il presidente della Lazio Claudio Lotito ad Antonino Pulvirenti il 26 marzo scorso. Era la vigilia della partita del Catania con l’Avellino, la prima vittoria dopo una lunga serie di sconfitte per la squadra etnea. Nessuno immaginava che la “persona per bene”, grazie alla quale i rossoazzurri avrebbero sistemato tutto, fosse una maga. Anzi due. Neppure gli inquirenti, che avevano iscritto il nome di Lotito sul registro degli indagati. E hanno finito per chiederne l’archiviazione. Di fronte alle ammissioni di Pulvirenti, che ha definitivamente chiarito quale tipo di aiuto avesse ricevuto dal presidente della Lazio, Lotito nega. Dice che gli avrebbe piuttosto consigliato un «esorcista». Del resto, anche nelle conversazioni intercettate chiedeva discrezione. Oggi l’ex presidente del Catania, che ha ammesso di avere pagato per cinque partite, sarà di nuovo interrogato, i suoi legali Giovanni Grassi e Fabio Lattanzi hanno chiesto la revoca della misura cautelare.

INFLUSSI POSITIVI – Il 30 marzo, giorno successivo alla vittoria con l’Avellino, è Pablo Cosentino, ad del Catania (ai domiciliari), a parlare con Lotito: «Vedi che funziona?», dice il presidente della Lazio. «Alla grande, è finita la partita e gli ho detto a Nino, questa l’ha vinta Claudio, abbiamo avuto la fortuna che non abbiamo avuto in tutto il campionato». E Lotito: «Sì, so tutto, so tutto, ma adesso dovete lavorare perché ci sono dei problemi…vedrai che la riportiamo in asse la situazione, capito?». Poi continua: «Io ho capito bene, ho visto la situazione…tra l’altro se era un altro çhe me ne fregava?» E aggiunge: «La persona ha chiesto anche un aiuto per rafforzare la cosa e si sono parlati di alcune cose..io poi non mi sono permesso di fare domande, siccome lui, questa persona sa che io non ho mai parlato con nessuno per niente…mi ha detto: ma questo c’ha problemi con alcune donne e io ho detto che non conosco tutta la vita privata, perché ci sono situazioni, ci risulta che poi vanno a fare casino..e poi il “Massimino”, il campo…Quindi bisogna fare pulizia globale..Quando a me, pure vennero, il prete, ti ricordi?». Le maghe erano due, fidatissime, una addirittura laureata. E la convinzione che possano influire sull’esito degli incontri è tale che il 2 aprile, nell’intervallo dell’incontro Varese-Catania, pagati 100mila euro da Pulvirenti, Cosentino chiama Lotito e gli dice: «Sei il numero uno, ci hai tolto l’energia negativa». E Lotito: «Vogliatemi bene che io vi voglio bene, l’ho dimostrato» (ilmessaggero)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy