LE PAGELLE DEL CORSPORT – Nessun dubbio sul peggiore in campo

LE PAGELLE DEL CORSPORT – Nessun dubbio sul peggiore in campo

Marchetti 6 Due tiri, due gol. Se si spalanca la porta davanti a Tevez e Bonucci è impossibile il miracolo. Basta 7 E’ il più sicuro della linea difensiva nella gestione del pallone e anche il più deciso a proporsi. Tenta un recupero disperato sul gol di Tevez. Ripresa in…

Marchetti 6
Due tiri, due gol. Se si spalanca la porta davanti a Tevez e Bonucci è impossibile il miracolo.

Basta 7
E’ il più sicuro della linea difensiva nella gestione del pallone e anche il più deciso a proporsi. Tenta un recupero disperato sul gol di Tevez. Ripresa in costante proiezione offensiva.

Cana 5
Non c’è, perde la linea e apre una voragine all’Apache sul primo gol. Per timore che possa scaricare il pallone, temporeggia sino all’ultimo, forse troppo, e lascia tirare Bonucci per il raddoppio. Prima e dopo combatte con il suo temperamento.

Mauricio 6
Non è in linea con Cana sul gol di Tevez, un bel recupero e un giallo per intervento su Matri a un soffio dall’intervallo. Nella ripresa si segnala per due o tre salvataggi.

Braafheid 6
Si affaccia con prudenza, forse potrebbe osare di perché dalla sua parte c’è Padoin, ma non ha la convinzione e lo spunto per decidere. Sostituito nell’intervallo.

Candreva (1’ st) 7
Non meritava l’esclusione iniziale. Con il suo ingresso, la Lazio torna al 4-2-3-1. Antonio sfoga la propria voglia di riscatto correndo senza soste e crossando a ripetizione. Ammonito per proteste. Buffon respinge non si sa come il suo siluro indirizzato sotto la traversa.

Cataldi 5,5
Fraseggio pulito, nella distribuzione del gioco è essenziale e rapido. Tenta forse in eccesso la soluzione da fuori. Cala alla distanza e nel finale prende un rosso inevitabile per un intervento da dietro su Tevez.

Biglia 6,5
E’ l’anima della Lazio, va subito a contrastare, tocca un’infinità di palloni. Marchisio lo ferisce con una gomitata, Lucas sanguina ma rientra con un turbante alla testa. Subito dopo Vidal lo anticipa di testa, scodellando il pallone che cambia la partita per Tevez. L’argentino si rialza e riprende a giocare tessendo la tela come sa fare. Sbaglia, però, il passaggio che avvia l’azione del gol di Bonucci.

Lulic 6,5
Pioli lo rimette nel cuore del centrocampo. Inizia con il cambio di passo e attacca Marchisio. La doppietta della Juve lo innervosisce e gli fa perdere lucidità. Becca l’ammonizione. Con l’ingresso di Candreva, arretra a terzino e diventa più efficace.

Felipe Anderson 5,5
Parte a destra, svaria, viene marcato a vista da mezza Juve. Non trova la giocata, cercando il colpo difficile con troppa insistenza. E’ come se volesse per forza accendersi con un’azione travolgente.

Mauri 5
Nei piani di Pioli inizia come falso nueve per controllare Pirlo. Sbaglia tantissimo nella costruzione, va presto in debito d’ossigeno. Non era la sua partita ideale. Impalpabile.

Keita (21’ st) 5,5
E’ troppo morbido nell’approccio.

Klose 5,5
Bonucci gli sporca l’unico tiro del primo tempo. Corre, tampona, si sacrifica, sbaglia diversi palloni. Quando si alzano i ritmi, il tedesco fatica.

Pioli (all.) 6
S’interrompe la magica serie. La Lazio è poco concreta e prende due gol evitabili. Partita condizionata. Pesa l’assenza di De Vrij.

L’arbitro
Rizzoli 5
Risparmia un giallo a Klose e un rosso a Marchisio, invece non perdona Cataldi. (Corriere dello Sport)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy