#LIVE – E Pioli adesso chiede aiuto al mercato…

#LIVE – E Pioli adesso chiede aiuto al mercato…

ROMA – Ha aiutato la Lazio, l’ha trasformata, l’ha riportata in alto, le ha ridato un futuro e i suoi tifosi. Ora la Lazio aiuti Stefano Pioli se vuole davvero diventare grande. Un anno fa arrivò novizio, sfruttò al meglio un mercato chiaro, rapido, intelligente. Pioli ha seminato e ha…

ROMA – Ha aiutato la Lazio, l’ha trasformata, l’ha riportata in alto, le ha ridato un futuro e i suoi tifosi. Ora la Lazio aiuti Stefano Pioli se vuole davvero diventare grande. Un anno fa arrivò novizio, sfruttò al meglio un mercato chiaro, rapido, intelligente. Pioli ha seminato e ha raccolto, oggi non ricomincerà da zero, ripartirà dal terzo posto, da quei 69 punti frutto di gioco e passione. E ricomincerà da un contratto più lungo (scadenza 2017 con opzione sino al 2018). Lotito ha investito sull’allenatore, non smetta di investire sulla squadra. La Lazio che si ritroverà stamane a Formello (al via visite mediche e test atletici) è la stessa dell’anno scorso, in più vanta solo Hoedt, Morrison e Patric: volti che i tifosi hanno conosciuto da gennaio a maggio. E’ vero, non s’è mai partiti con tre innesti, ma serve di più, così non può bastare, non ci stancheremo di dirlo. Morrison, ad esempio, dovrà dare certezze, è stato vicino al taglio. La Lazio ha una base solida, è rappresentata dall’undici titolare comprendendo però nel conto Marchetti e Radu.

 

 

Non ci si può cullare sugli allori, è un rischio visto che il meglio Lotito e Tare sono soliti darlo in condizioni precarie. C’è bisogno di una base di lancio, non più di rilancio. Gli obiettivi sono chiari: la Lazio dovrà acquisire una dimensione diversa superando il preliminare Champions e difendendo il terzo posto. La società vuole stare stabilmente in Europa, vuole accorciare le distanze dalle big. Non è mai facile ripetersi, non lo è con l’Europa di mezzo, non lo sarà nell’anno in cui le milanesi proveranno a risalire (insieme alla Juve hanno dominato l’avvio del mercato). Pioli non può fare tutto da solo e 11 titolari non gli basteranno. La Lazio che torna a Formello è la prima senza Ledesma. In ritiro, giovedì ad Auronzo, sarà orfana dei nazionali (arriveranno dal 13 luglio in poi), non ci sarà Klose (in permesso per qualche giorno), ci saranno tanti baby. La vera Lazio nascerà tra la fine di luglio e l’inizio di agosto, tra la tournée in Germania e la spedizione in Cina. Mancano un centrocampista e una punta esterna, vanno chiariti i casi Marchetti-Radu oltre quelli Lulic-Keita (in uscita). Mauri è svincolato, oggi forse vedrà Lotito. Gli acquisti dipendono da una-due cessioni. La Lazio, quando si sente forte e amata, tradisce. Non si può sprecare un anno Champions. Riuscirci, stavolta, sarà difficile. (Corriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy