Lotito è una furia: vuole la moviola!

Lotito è una furia: vuole la moviola!

SOFIA – Furioso e silenzioso, deciso a farsi sentire da Platini a microfoni spenti e nell’interesse del calcio italiano, non solo della Lazio. Ieri, il giorno dopo la vergogna di Sofia, Lotito ha preferito evitare dichiarazioni. Era deluso, ma anche convinto che non sarebbe servito parlarne o gridare, perché il…

SOFIA – Furioso e silenzioso, deciso a farsi sentire da Platini a microfoni spenti e nell’interesse del calcio italiano, non solo della Lazio. Ieri, il giorno dopo la vergogna di Sofia, Lotito ha preferito evitare dichiarazioni. Era deluso, ma anche convinto che non sarebbe servito parlarne o gridare, perché il danno è stato fatto e la squadra di Reja non scenderà in campo negli ottavi di Europa League per affrontare il Valencia al posto del Ludogorets. Non si può tornare indietro. Il discorso, le valutazioni sono di più ampio respiro. Lotito è per la moviola in campo, non da ieri, ma da almeno due o tre anni. E questa non è la prima volta che in campo europeo il club biancoceleste viene penalizzato con direzioni arbitrali discutibili. Nell’aprile scorso l’eliminazione nei quarti ad opera del Fenerbahce era maturata a Istanbul per le sviste clamorose dello scozzese Collum, nel 2011 Reja aveva pagato il conto a Lisbona con lo Sporting, persino Ballardini a Salisburgo nel dicembre 2009 compromise la qualificazione ai sedicesimi per un rigore non concesso a Zarate sulla linea di fondo, proprio sotto gli occhi dell’arbitro d’area. Un po’ come è successo giovedì sera a Sofia: l’assistente Sousa, nel dubbio, ha spinto Benquerença a convalidare il gol del 2-2. Era vicino al palo di Marchetti, ha convinto il portoghese a ratificare il pareggio in uno stadio trasformato in bolgia. Ancora ieri i dubbi non erano stati dissolti: secondo alcuni fotogrammi, ripresi dalle immagini televisive, il pallone non avrebbe totalmente superato la linea di porta. Dentro o fuori? Sette centimetri difficilissimi da rilevare e così determinanti da spostare (probabilmente) l’esito di una qualificazione agli ottavi.

 

 

 

CONTESTAZIONI – Più dell’episodio contestato dai giocatori, la Lazio si è lamentata per la direzione di Benquerença. Era a senso unico. E nella ripresa il portoghese ha permesso ai bulgari un gioco durissimo, scorretto, non regolare. Interrompevano l’azione della Lazio ricorrendo al fallo sistematico e ripartivano senza che l’arbitro intervenisse. I giocatori di Reja finivano a terra e non riuscivano a tenere palla. C’è stato un fallo non rilevato anche alcuni secondi prima del sinistro di Zlatinski per il 2-2. Così la rimonta è stata facilitata alla pari con le incertezze di Marchetti, decisivo in negativo anche per il 3-3 firmato da Quixada a due minuti dalla fine. Ha infastidito il metro di giudizio. E la Lazio ha ricordato altri episodi, una costante negativa in Europa League. Nella partita d’andata il tedesco Zwayer s’era inventato un rigore (poi sventato da Berisha) attribuendo un fallo di mano a Cana, che teneva il braccio incollato al corpo.

 

MOVIOLA– C’è una partita aperta con Platini, da tempo la Lazio si porta dietro un’etichetta antipatica, nella passata stagione sono state ripetute le sanzioni e le diffide dell’Uefa per il comportamento della tifoseria biancoceleste. Questo è un discorso diverso. Sta a cuore di Lotito non solo per i fatti di Sofia e da presidente del club biancoceleste, ma da consigliere federale. Il sistema deve cambiare in Italia e all’estero. Se Platini reclama il rispetto del fair-play finanziario, e ci sono parametri oggettivi e dati di bilancio per misurarlo, sul campo bisogna ridurre la discrezionalità degli arbitri. Il mondo cambia e si evolve, solo il calcio resta conservatore e ancorato ai criteri del passato, ormai superati. Serve la moviola in campo, un supporto tecnologico per fissare certezze incontrovertibili. Se un pallone è entrato in porta oppure no, possono stabilirlo le immagini. Altrimenti ci si affida solo al valore degli arbitri, alla capacità di resistere ai condizionamenti, a una discrezionalità eccessiva. Ecco perché Lotito, in ambito nazionale ed europeo, tornerà alla carica con la moviola in campo. Da Sofia a Firenze, magari ne parlerà domenica anche con Della Valle. Guarda caso, c’è di nuovo la Lazio al Franchi dentro una serata in cui tutti osserveranno Banti con gli occhi spalancati. Un anno fa Petkovic e la squadra biancoceleste uscirono con le ossa rotta dalla partita con i viola: gol regolare annullato a Mauri, gol di Ljajic con Jovetic in posizione attiva di fuorigioco, vittoria della Fiorentina. Anche in quel caso la moviola in campo sarebbe servita. (Corriere dello Sport)

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy