Luiz Felipe-Di Gennaro: storia di due gregari con destini opposti

Luiz Felipe-Di Gennaro: storia di due gregari con destini opposti

L’ultimo match dei biancocelesti ha evidenziato la crescita del brasiliano, mentre l’ex-Cagliari è apparso in maggiore difficoltà…

di Lorenzo Ottaviani

ROMA – Dopo aver battuto lo Zulte Waregem in Europa League, la Lazio di Simone Inzaghi si prepara ad affrontare l’ultimo match prima della sosta contro il Sassuolo. Tra poche ore la sfida dell’Olimpico avrà inizio e i biancocelesti cercheranno di mettere altri 3 punti in cascina per rimpolpare il loro già soddisfacente bottino. Anche se non sarà della partita, a causa del recupero del titolarissimo Stefan de Vrij, Luiz Felipe Ramos sta iniziando a raccogliere consensi grazie alle sue recenti prestazioni. Il primo tempo complicato contro il Vitesse all’esordio sembra essere un ricordo, dato che il difensore brasiliano ha dimostrato nelle successive partite contro Verona e Zulte di poterci stare in questa Lazio battagliera che vuole rimanere ai vertici del campionato italiano. Il classe ’97 soprattutto nel match di giovedì scorso è sembrato molto sicuro non solo nelle giocate difensive, ma anche nelle azioni palla al piede. Forse è proprio questo secondo aspetto emerso in  Europa League la novità più gradita relativamente all’ex-Salernitana. I margini di crescita che lo riguardano sono enormi, data la giovanissima età e la poca esperienza a certi livelli, come confermato da mister Inzaghi nella conferenza stampa di ieri: “Luiz Felipe sta dimostrando tutto il suo valore, può giocare in questa Lazio. Ascolta molto e si è fatto trovare pronto”. Il gregario difensivo ha sfruttato bene le occasioni che gli sono capitate a causa dei tanti infortuni subiti dal reparto arretrato biancoceleste, dimostrando di poter essere una risorsa per il prosieguo della stagione – ovviamente in partite non eccessivamente complicate, poiché bruciare questo talento sarebbe un grave errore -. Chi invece ancora stenta a mettere in campo prestazioni convincenti è Davide Di Gennaro.

IN DIFFICOLTA’

di-gennaro2

L’ex-centrocampista del Cagliari ha iniziato due gare da titolare in questa prima parte di stagione, ovvero le vittorie contro Vitesse e Zulte in Europa League. In entrambi i casi, a causa di una forma fisica rivedibile e probabilmente di un feeling ancora da affinare con i compagni di squadra, Di Gennaro si è reso protagonista di prestazioni un po’ sbiadite. Non brillante con la palla al piede e poco incisivo nei contrasti, il regista italiano ha bisogno ancora di alcune partite di rodaggio per aumentare il proprio rendimento in maglia biancoceleste. I ritmi bassi con cui i capitolini hanno affrontato la gara di giovedì probabilmente non lo hanno aiutato – perché più che correre, il 29enne preferisce far correre il pallone -, ma avrà tempo di rifarsi nelle prossime sfide che attendono gli Inzaghi Boys. Intanto Immobile e Parolo vengono convocati dal CT italiano Ventura: CONTINUA A LEGGERE

13.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy