Reja, che grattacapo: Per Marchetti altri 20 giorni di stop

Reja, che grattacapo: Per Marchetti altri 20 giorni di stop

Al prossimo impegno di Europa League comincerà a pensare dopo il novantesimo. Reja cercherà di non perdere tempo. Godendo dei buoni rapporti tra Lotito e Pulvirenti, la Lazio chiederà di poter organizzare un allenamento subito dopo la partita. Il tecnico friulano avrebbe intenzione di far lavorare tutti quei giocatori che…

Al prossimo impegno di Europa League comincerà a pensare dopo il novantesimo. Reja cercherà di non perdere tempo. Godendo dei buoni rapporti tra Lotito e Pulvirenti, la Lazio chiederà di poter organizzare un allenamento subito dopo la partita. Il tecnico friulano avrebbe intenzione di far lavorare tutti quei giocatori che potrebbero essere impegnati giovedì sera allo stadio Olimpico (ore 21,05) con i bulgari del Ludogorets in modo da concedere all’intero gruppo il lunedì di riposo. Una decisione verrà presa soltanto oggi se il Catania concederà l’autorizzazione per utilizzare il campo del Massimino nel pomeriggio prima di rientrare a Roma.

 

 

Ieri a Formello il tecnico friulano ha confermato Berisha titolare e l’idea di gestire con calma il rientro tra i pali di Federico Marchetti. «Tocca ancora a Berisha e non parlerei di una scelta tecnica. Marchetti sta lavorando, ma non è ancora a posto. Può darsi abbia un inizio di pubalgia, ha una sofferenza a livello inguinale, cercheremo allora di preservarlo, penso che in 15-20 giorni possa ritornare alla grande. Vogliamo recuperarlo al 100 per cento» ha spiegato il tecnico friulano. Ieri mattina non si è allenato Brayan Perea per una lieve contrattura al retto femorale. Il colombiano era in corsa per un posto accanto a Klose. «Pensavo di farlo giocare a Catania, ora lo risparmierò per l’Europa League. Ma spero di portarlo lo stesso in panchina. Lo staff medico mi ha rassicurato, non dovrebbe trattarsi di niente di grave».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy