L’Udinese pensa a Reja: la verità entro fine settimana…

L’Udinese pensa a Reja: la verità entro fine settimana…

Reja palleggia. E’ come se fosse un allenatore “congelato”, in buona parte dai suoi dubbi ma di sicuro anche da alcune valutazioni della società. Dopo la trasferta di Sofia, il friulano è tornato a Lucinico, frazione di Gorizia, per votare e cominciare a rilassarsi. Sabato ha visto Lotito, ieri mattina…

Reja palleggia. E’ come se fosse un allenatore “congelato”, in buona parte dai suoi dubbi ma di sicuro anche da alcune valutazioni della società. Dopo la trasferta di Sofia, il friulano è tornato a Lucinico, frazione di Gorizia, per votare e cominciare a rilassarsi. Sabato ha visto Lotito, ieri mattina c’è stato un altro colloquio telefonico. La partita è iniziata con l’incontro di sabato al River Chateaux, l’albergo di Ponte Milvio dove risiede, e sta proseguendo via cavo. Buoni riscontri con molte riserve e quell’atmosfera di cose in sospeso poco convincente. Il confronto riguarda le strategie. S’interroga anche la Lazio, che ha avvolto la questione allenatore nel freezer. Si negano contatti con altri tecnici, ci sarebbero gli elementi per immaginare una svolta, se non altro perché può imporlo il momento e la voglia di novità reclamata dalla piazza. Lotito ieri non ha voluto parlare dell’argomento, anche per non togliere visibilità al progetto Academy, ma pare sia in pressing sul friulano. Edy, negli ultimi anni, gli ha tolto diversi imbarazzi e grattacapi.

 

 

La sua esperienza è una garanzia per la Lazio. Ha fatto risultati anche nel girone di ritorno, provando a raddrizzare una stagione compromessa, conosce ambiente e parco giocatori, c’è la voglia di continuare a puntare, almeno per un anno, sul tandem con Bollini, piombato ieri a Formello. Sarebbe un rischio cambiare, non c’è sicurezza di migliorare. L’ex tecnico della Primavera è in scadenza: prima di tornare in vacanza, ha avuto un colloquio informale con il ds Tare. Se ne riparlerà e arriverà una fumata bianca (o nera?) entro fine settimana, quando Reja e Lotito contano di concludere le consultazioni. Avanti così, ma i dubbi nell’attesa cominciano a crescere. La svolta olandese dell’Academy e il calcio offensivo preannunciato dalla società, stesso assetto tattico dai pulcini alla prima squadra, aiutano a immaginare un cambio in panchina. Tare non s’è sbilanciato e ha parlato di un altro incontro, forse quello definitivo. Avanti con Reja e Bollini? «Ci incontreremo e valuteremo la stagione. Se ci saranno le possibilità di intrecciare le nostre strade perché no. Ma prima dobbiamo vederci» . Sono questi i giorni decisivi.  (Corriere dello Sport)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy