Svizzera, ore decisive. E Lotito sogna Allegri

Svizzera, ore decisive. E Lotito sogna Allegri

ROMA – Peter Stadelmann, segretario generale della federazione svizzera, sarebbe il grande sponsor di Petkovic. Viene da San Gallo, la stessa città di Vinicio Fioranelli, agente Fifa e amico intimo dell’allenatore della Lazio, che da qualche anno nel suo staff ha inserito il figlio Jesse come match-analyst. Stadelmann lavora a…

ROMA – Peter Stadelmann, segretario generale della federazione svizzera, sarebbe il grande sponsor di Petkovic. Viene da San Gallo, la stessa città di Vinicio Fioranelli, agente Fifa e amico intimo dell’allenatore della Lazio, che da qualche anno nel suo staff ha inserito il figlio Jesse come match-analyst. Stadelmann lavora a Berna e conosce benissimo Petkovic, che ha stabilito tanti record con lo Young Boys, portato ad un passo dallo scudetto e sino ai preliminari di Champions League. Sta spingendo per la sua candidatura come successore di Omar Hitzfeld, che ha già annunciato l’addio dopo il Mondiale in Brasile. «Prenderemo un allenatore con i capelli grigi» ha spiegato qualche giorno fa e tutti hanno pensato al cinquantenne allenatore della Lazio. Il poliglotta di Sarajevo sarebbe il profilo preferito dalla federcalcio svizzera dopo i no incassati da Lucien Favre del Borussia Moenchengladbach e da Marcel Koller, ct dell’Austria. Petkovic deve battere la concorrenza di Pierluigi Tami, selezionatore dell’under 21, rispetto a cui vanta maggiore esperienza e un’immagine più spendibile all’estero grazie all’esperienza e al nome acquisito con la Lazio. Entro il 15 dicembre la federcalcio svizzera ha intenzione di annunciare il nuovo commissario tecnico. Oggi a Berna è prevista una riunione forse decisiva per dirimere il ballottaggio tra Petkovic (grande favorito) e Tami. Se due giorni fa il vertice veniva descritto come l’appuntamento della verità, ieri dalla Svizzera sono arrivati segnali contrastanti: potrebbe servire un’altra settimana. La federcalcio elvetica, se Lotito non liberasse il tecnico, sarebbe pronta a mettere sotto contratto Petkovic da gennaio anche se il mandato per il nuovo ct scatterebbe solo da partire da luglio.

 

 

YAKIN E ALLEGRI – La Lazio assiste e valuta gli eventi in silenzio. Dopo il pareggio di Marassi, in attesa di una svolta e di risultati migliori, la società biancoceleste ha confermato Petkovic, allontanando l’ipotesi di un esonero, e chiarendo di voler andare avanti sino alla fine della stagione. Questa l’intenzione di Lotito, che non è mai stato convinto di assumere un traghettatore e preferirebbe scegliere un allenatore in grado di garantire il futuro, non uno di passaggio. Il suo sogno sarebbe Massimiliano Allegri, destinato a lasciare il Milan alla fine della stagione. Ci aveva pensato ed era anche riuscito ad avvicinarlo nell’estate 2009, dopo la Coppa Italia e il divorzio da Rossi, quando il tecnico livornese era legato al Cagliari. Il corteggiamento venne stoppato in partenza da Cellino, che spinse Lotito a virare su Ballardini. A distanza di cinque anni, sempre che la Figc non lo scelga per affidargli l’eredità di Prandelli dopo il Brasile, la società biancoceleste potrebbe puntare forte su Allegri. E’ chiaro, però, che un eventuale incarico con la Svizzera potrebbe accelerare la crisi. Reja e Bollini i possibili traghettatori, ma la società sta lavorando sotto traccia su altre soluzioni, tenute al coperto. Non per caso sono uscite le indiscrezioni legate al nome di Murat Yakin, tecnico del Basilea, ex calciatore e amico di Igli Tare: hanno giocato insieme nel Kaiserslautern. L’allenatore turco-svizzero sta vivendo un periodo delicato, è stato duramente attaccato da Streller, capitano del Basilea e ha avuto difficoltà con i fratelli Degen, altri due giocatori molto quotati del club svizzero. E’ in scadenza e per questo motivo a dicembre ha fissato un appuntamento con i suoi dirigenti. In Svizzera cominciavano a ipotizzare un esonero, ma due sere fa ha piegato il Chelsea di Mourinho e ora intravede la qualificazione agli ottavi di Champions. Anche nel suo caso, bisognerà aspettare qualche altro giorno. Yakin potrebbe essere legato a filo doppio con Petkovic. S’annuncia un dicembre caldissimo a dispetto del gelo. (C

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy