Tutti i gol inaspettati nei derby. E se stavolta toccasse a Leiva o Bastos?

Tutti i gol inaspettati nei derby. E se stavolta toccasse a Leiva o Bastos?

Alcune stracittadine si ricordano per le reti inaspettate da parte di chi non ha mai avuto il vizio sotto porta

di ALBERTO ABBATE

ROMA – Mai stati bomber, ma un gol gli ha cambiato la vita. Chiamateli pure i Carneadi dei derby, protagonisti per caso delle gara più sentita dell’anno. O addirittura della storia: lo sconosciuto Lulic l’ha fatta in un giorno ed è diventato eroe per sempre al settantunesimo del 26 maggio 2013. Un minuto eterno, come eterno è il ritorno di questa tradizione dei goleador inaspettati nella stracittadina. Panta rei dentro al Tevere e così scorrono anche i ricordi da una parte all’altra: da Giovannelli e Piacentini, negli anni ‘80 e ‘90, a Gottardi (2-1 nella Coppa Italia del 1998), passando per Mutarelli e Balzeretti (2-0 nel 2013). Senza dimenticare quei sogni romanisti all’improvviso riposti in Cassetti (1-0 nel 2009). E sono soltanto alcuni di un lungo elenco di nomi. La domanda già alla vigilia sembra retorica: segna Dzeko o Immobile? E se alla fine, a gonfiare la rete, fosse ancora un outsider? L’anno scorso, per esempio, sembrava pura utopia fissare Djordjevic alzarsi dalla panchina e far centro dopo quasi due anni in campionato. E pensare che il 25 maggio 2015 era stato proprio Filip a segnare il momentaneo pareggio biancoceleste in un derby valido per il secondo posto Champions, conquistato all’85’ niente di meno che da Yanga-Mbiwa. Non solo: ad aprire le danze in quella stracittadina al 73’ era stato il secondo (e ultimo) gol giallorosso di uno strapagato Iturbe. Stavolta, dopo Milinkovic nella doppia sfida di Coppa Italia, potrebbe toccare al rinato Luis Alberto, ma non farebbe troppo effetto.

DUEMILA

E se l’eroe di stavolta fosse Leiva o il nuovo Bastos goleador? La sorpresa è sempre dietro l’angolo. Anzi, forse dal 2000 a oggi è diventato ancora di più un vero vizio capitale. A memoria basta tornare al 29 aprile 2001, con la vittoria strappata alla Roma al 94’ dal 2-2 di Castroman: la sberla dell’argentino è ancora una meravigliosa carezza sotto la Nord. In Sud invece ricordano il primo cioccolatino di Mancini, il 9 novembre 2003, riportato a Roma dal Venezia in B e presentatosi all’Olimpico con un tacco de Dios su una punizione di Cassano. Tre anni dopo il missile all’incrocio dell’ex capitan Ledesma nel 3-0 biancoceleste chiuso da Mutarelli. Non certo un killer sotto porta, Cristian, eppure a rete contro la Roma anche nel 2008. Anche se, di quell’anno, a Formello preferiscono ricordare il ritorno del 19 marzo, quando al 92’ Behrami (appena 4 firme in biancoceleste) si spogliò sotto la balaustra. In uno slancio quasi casuale: cross mancino da destra di Pandev, tiro sballato al volo di Mauri, raccolto dallo svizzero-cosovaro e scaraventato alle spalle d’un incerto Doni. Tutti sotto la Nord: anche Delio Rossi, stavolta ripetuto all’Olimpico il tuffo nella fontana del Gianicolo dell’anno precedente.

SCUDETTO

Talvolta ecco pure l’illusione di un centro nel derby: Julio Baptista, arrivato pochi mesi prima dal Real, fa irruzione nei cuori romanisti in una notte di novembre del 2008. Colpo di testa vincente dopo 4 minuti della ripresa, a siglare la quarta rete stagionale e a regalare una delle poche gioie a una Roma, che terminerà l’anno in sesta posizione, lontanissima dalla vetta. Così come la Lazio che, al ritorno l’11 aprile, si scatenò con un 4-2 sulle fasce grazie ai terzini Kolarov (oggi in giallorosso) e Lichtsteiner. I biancocelesti finirono decimi in campionato, ma poi alzarono la Coppa Italia quell’anno, con uno scatenato Zarate. Epilogo diverso la stagione seguente per i giallorossi: tutta colpa di un ‘Pazzo’ e si ogni di scudetto rimasero rinchiusi dentro Cassetti. A volte nemmeno i gol ‘gregari’ nei derby sono benedetti.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy