#TUTTOLIVE – I tifosi della Lazio godono: potrebbero ritrovarsi in squadra due Anderson…

#TUTTOLIVE – I tifosi della Lazio godono: potrebbero ritrovarsi in squadra due Anderson…

ROMA – La chiave è inglese, la magia è brasiliana. Morrison e Felipe Anderson, sono loro i principali attori della Lazio fantasia. Pioli – scrive il Corriere dello Sport – vuole vincere col bel gioco, per riuscirci ha bisogno di uomini così. Pensa da tempo ad una squadra trasformista, proverà…

ROMA – La chiave è inglese, la magia è brasiliana. Morrison e Felipe Anderson, sono loro i principali attori della Lazio fantasia. Pioli – scrive il Corriere dello Sport – vuole vincere col bel gioco, per riuscirci ha bisogno di uomini così. Pensa da tempo ad una squadra trasformista, proverà a far convivere quei due nei moduli progettati: nel 4-3-3 d’ordinanza, nelle varianti 3-4-3 (o 3-4-2-1) e 4-2-3-1. Le prove. Pioli continua a testare Morrison da mezzala destra, sa che nasce trequartista. Nel 4-3-3 viene tutto naturale: l’inglese gioca a centrocampo, da intermedio, con la squadra a pieno organico può associarsi a Biglia (regista) e Parolo. Felipe Anderson, nello stesso assetto, agirebbe a sinistra o a destra, da attaccante esterno. Il 3-4-3 potrebbe creare qualche scompenso: l’inglese dovrebbe essere associato a Biglia, è meglio immaginarlo da esterno offensivo. Sarebbe più semplice schierarlo nel 3-4-2-1: Morrison e Felipe dietro la punta, l’inglese darebbe fiato a Candreva. Lo stesso vale per la formula 4-3-2-1, ma in questo caso Morrison potrebbe nuovamente agire da mezzala con Felipe sulla trequarti. L’inglese e il brasiliano non hanno ancora giocato insieme. Felipe è sbarcato da poco in ritiro, ha esordito contro la Top 11 del Cadore, quando ha messo piede in campo Morrison era appena uscito.

 

Felipe Anderson. La Lazio può ritrovarsi in casa due Felipe Anderson, se l’inglese esploderà se ne vedranno delle belle. Felipe intanto c’è, vive la stagione della conferma, non è mai semplice. Ha fatto vedere di che pasta è fatto, si è sbloccato, ha rafforzato il carattere, ha preso fiducia. E’ vero, ha chiuso in sordina. Ma a metà stagione ha sfoderato numeri da top player, da fenomeno. E’ quello il Felipe che tutti aspettano, è rimasto per completare la sua crescita. Molti dei destini della Lazio dipenderanno da lui (e magari anche da Morrison). Quando ha accelerato ha lanciato in orbita la Lazio, l’ha portata in zona Champions. Pioli, quest’anno, cerca continuità, più maturità, più intelligenza tattica. La base di partenza esiste, va impreziosita. I concetti di gioco (profondità, possesso, pressing, densità nel mezzo) contano più di tutto, più dei moduli.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy