SETTIMANA DI FUOCO – Mauri: rinvio a giudizio e al rinnovo

SETTIMANA DI FUOCO – Mauri: rinvio a giudizio e al rinnovo

Da IL MESSAGGERO a firma Alberto Abbate ROMA – Rinvio a giudizio e al rinnovo, fumata grigia per Mauri. Era tornato in fretta e furia da Formentera, dove stava proseguendo le vacanze dopo il rientro da New York. Chiamato da Lotito, il centrocampista ieri s’era catapultato a Villa San Sebastiano,…

Da IL MESSAGGERO a firma Alberto Abbate

ROMA – Rinvio a giudizio e al rinnovo, fumata grigia per Mauri. Era tornato in fretta e furia da Formentera, dove stava proseguendo le vacanze dopo il rientro da New York. Chiamato da Lotito, il centrocampista ieri s’era catapultato a Villa San Sebastiano, alle 13, per una semplice firma. Macché. Ecco delinearsi una situazione che Stefano temeva, ma non voleva immaginare: offerta al ribasso sul rinnovo, quasi la metà dell’ultimo ingaggio percepito (1,3 milioni). La strategia di Lotito ormai è chiara, era stata sbandierata qualche giorno fa da Ledesma nella conferenza d’addio: «Il presidente mi ha detto che la società vuole abbassare il monte stipendi». A queste condizioni però Mauri non accetta. Anche se, in realtà, s’è preso tempo per pensare e magari ritrattare nei prossimi giorni. D’altronde non ci sono più le stesse offerte (in America, Russia e Cina) di un anno fa dietro l’angolo.

 

 

 

OFFERTA AL RIBASSO – Al momento l’intesa è lontana, dopo circa un’ora di confronto, inaspettato nei contenuti: 600mila euro per un solo anno. Il capitano aveva raggiunto un accordo per un biennale la scorsa stagione, pensava solo di dover mettere nero su bianco. I cinque giorni di telefonate a vuoto, prima della scadenza del suo contratto del 30 giugno, dovevano però fargli capire qualcosa. Non erano solo rumors maligni. Stefano tra l’altro rimane in ansia anche sul fronte della giustizia sportiva: Palazzi sta valutando riapertura del processo, dopo le nuove dichiarazioni di Ilievski e il rinvio a giudizio di odierno a Cremona per associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva. Altro che fresco d’Auronzo, Mauri non partirà dopodomani per il ritiro con la squadra. Radu e Marchetti, dopo i loro vis-a vis, sono pronti a rinnovare (quadriennali rispettivamente a 1,4 e 1,5 milioni), Mauri rivedrà nelle prossime ore Lotito per un altro meeting bollente. Sarà una settimana di fuoco.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy