Via libera per Reja: 8 cambi e rivoluzione Europea

Via libera per Reja: 8 cambi e rivoluzione Europea

ROMA – Rivoluzione totale. Saranno otto o nove i cambi rispetto a Catania. Poco tempo per assorbire la batosta in campionato che la Lazio tra tre giorni sarà di nuovo in campo per i sedicesimi di finale d’Europa League con i bulgari del Ludogorets. Una sfida da vincere a tutti…

ROMA – Rivoluzione totale. Saranno otto o nove i cambi rispetto a Catania. Poco tempo per assorbire la batosta in campionato che la Lazio tra tre giorni sarà di nuovo in campo per i sedicesimi di finale d’Europa League con i bulgari del Ludogorets. Una sfida da vincere a tutti i costi. Reja sarà costretto ad attuare un robusto turnover, anche se dovrà tener conto delle condizioni di alcuni giocatori e soprattutto delle quattro partite (due europee e due di campionato) che i biancocelesti giocheranno in undici giorni. Un temibile tour de force. Per far sì che la sconfitta in Sicilia non lasci il segno, il tecnico farà di tutto per rilanciare la Lazio in campo europeo e rispetto alla formazione schierata ieri a Catania ha intenzione di attuare diversi cambiamenti.

VIA LIBERA – L’allenatore vuole archiviare già all’andata il discorso qualificazione e contro i bulgari appare orientato ad affidarsi ai più giovani e a variare il modulo: riproporre il 3-4-3 oppure ritornare all’antico, rispolverando il 4-2-3-1. Qualunque sia l’assetto, ci sarà il ritorno di Keita dal primo minuto, tenuto colpevolmente fuori ieri a Catania per un evanescente Mauri. Ogni volta che ha giocato titolare in Europa, il giovane spagnolo ha sempre ben figurato, risultando ogni volta decisivo. Al posto di Klose in avanti ci sarà Perea, mentre sulla fascia destra è ballottaggio tra Felipe Anderson e il neoacquisto di gennaio Gael Kakuta. Ci sarebbe anche la possibilità di vederli entrambi solo se Reja deciderà di schierare la Lazio con il 4-2-3-1, anche se, forse, in questo caso si tratterebbe di una squadra molto offensiva. Si vedrà. In mezzo al campo Ledesma osserverà un turno di riposo e al suo posto agirà Biglia che farà coppia con Onazi davanti alla difesa, preferito a Gonzalez. L’unico confermato rispetto a Catania dovrebbe essere Radu, con Biava e Dias a riposo e con Ciani, Novaretti e Cana in lotta per due maglie da titolare. La vera sorpresa potrebbe esserci in porta con il ritorno di Marchetti al posto di Berisha, ma il dubbio verrà sciolto solo tra un paio di giorni.

 

 

ECCO I BULGARI – Nonostante abbiano un palmares praticamente nullo, la Lazio non deve assolutamente sottovalutare il Ludogorets, primo nel campionato del suo paese. Nei gironi di qualificazione, la squadra bulgara di Stoev, oltre a chiudere al primo posto con 16 punti, ha nettamente sconfitto all’andata e al ritorno un big come il Psv Eindovhen, rifilandogli complessivamente quattro reti. Il brasiliano Marcelinho, l’olandese Vura e lo sloveno Bezjak sono i giocatori più temibili del Ludogorets. (Il Messaggero)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy