ZOOM LAZIO – Ecco Ricardo, il tulipano dal gol facile

ZOOM LAZIO – Ecco Ricardo, il tulipano dal gol facile

Scherza col pallone. E, se accelera, è irresistibile. Esordio con gol all’Olimpico, adesso Kishna sogna il bis a Verona. Per riportare la Lazio alla vittoria.

kishna

– ZOOM / KISHNA / ROMA – Scherza col pallone. E, se accelera, è irresistibile. Esordio con gol all’Olimpico, adesso Kishna sogna il bis a Verona. Per riportare la Lazio alla vittoria. Per venti minuti sabato scorso – scrive Alberto Abbate su ilmessaggero.it – Pioli gli urlava d’essere meno timido. Al diavolo, oggi Ricardo esorcizzi pure da bravo chierichetto il Chievo, magari con una benedizione ipnotica. Felipe torna in panca, Kishna vola sulla Serie A, come faceva sulle strade dell’Aia. Rieccolo a sinistra, sulla fascia, remake dell’Ajax nel 4-3-3. Gambe attorno alla palla, vietato toccarla. L’olandese userà ancora la distanza, l’avversario e la linea laterale. E’ il suo segreto, forse per questo somiglia così tanto a un’ala brasiliana anni ’70. E allora samba, Ricardo, sfreccia spedito sul tuo binario e raddrizza subito la stagione biancoceleste. Un’altra giocata allungherà la vita di tutti.

 

 

DEBUTTO – Rimbomba ancora il frastuono dell’Olimpico nei timpani di Kishna. Mai esordio fu più dolce. Anzi sì. Perché lui segna sempre alla prima, gli manca la seconda. Ed è questo ora l’obiettivo: confermare 187 centimetri – 7 più di Candreva – di puro talento. Incredibile la coordinazione con cui cela una simile stazza. Così leggiadro, eppur così pesante, è surreale e reale al tempo stesso sbirciarlo saltare l’uomo: lo inganna sul tempo, con un finta magari, o con un tocco di suola. Ha studiato da Robben e Cristiano Ronaldo, così la tecnica sopperisce alla rapidità d’azione: per intenderci, Kisha non sarà Felipe, ma potrà mandarci comunque in estasi. Chiedete a Braafheid, che lo conosce bene ed è già il suo miglior amico. Sabato scorso Ricardo l’ha abbracciato al gol, oggi lo stritolerà a un passo dall’Arena. Quel nome gli ricorda Amsterdam. Lo aspettano tutti un gladiatore di felicità da questo mercato, Kisha sguaina il sinistro.

RISCATTO – Per ferire col rimorso Frank De Boer, che ha creduto troppo poco in lui. Per aiutare invece Pioli nella battaglia della risalita dagl’incubi d’inizio stagione. A Leverkusen, con la Lazio in 10, non poteva certo fare miracoli, ma da questo campionato passa il ritorno biancoceleste in Champions. Ricardo lo fiuta subito e vuole dimostrare d’essere un’arma. Non sarà così facile mandare spesso Anderson in panchina, deve sfruttare il suo momento. Arriva subito ed è il momento della verità: se è un tulipano, fiorirà.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy