Roma città – Raggi, entro fine mandato estenderemo a tutta la città raccolta differenziata hi-tech porta a porta

Roma città – Raggi, entro fine mandato estenderemo a tutta la città raccolta differenziata hi-tech porta a porta

“Da oggi attiva in quartiere ebraico Roma. Stiamo rendendo concreto Piano materiali post consumo”

 Roma – “Passo dopo passo stiamo rendendo concreto il nostro Piano materiali post consumo, il primo per la città di Roma, approvato e presentato meno di un anno fa. Oggi, il rivoluzionario sistema di raccolta porta a porta rivisto grazie alla tecnologia e previsto dal nostro Piano, è finalmente una realtà. Nel quartiere ebraico sono già operativi i nuovi punti mobili di raccolta e i cittadini hanno a disposizione il nuovo kit con i tag sui sacchi. Stiamo correndo nella direzione della gestione sostenibile dei rifiuti, perché vogliamo superare gli errori ereditati dal passato ed applicare quanto prima la tariffa puntuale spingendo così Roma verso un’economia circolare a Rifiuti Zero. Entro la fine del nostro mandato, vogliamo estendere a tutta la città la nuova raccolta differenziata domiciliare, modulata per tipologie abitative”. Così in una nota la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Il risultato di oggi dimostra la bontà e la validità della nostra programmazione. Non ci fermiamo, non ci accontentiamo, vogliamo che tutta Roma sia messa in condizioni di differenziare bene e meglio. Questo percorso ci permetterà di rendere la città sempre più autosufficiente nella gestione dei rifiuti, chiudendo il ciclo nel territorio del comune di Roma. Un lavoro importante che stiamo facendo anche insieme ai cittadini, per ascoltare i bisogni e contestualizzare tutte le esigenze alle diverse realtà territoriali. Vogliamo avviare campagne di comunicazione per promuovere buone pratiche, nuovi stili di vita e abitudini che favoriscano una riduzione di materiali post consumo, con conseguenti benefici ambientali ed economici”, afferma l’Assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale Pinuccia Montanari.

“Prosegue senza sosta il cammino di Roma Capitale verso Rifiuti Zero. Dopo Ostia, anche il quartiere Ebraico beneficerà del nuovo modello di raccolta differenziata ad alta tecnologia. La nuova raccolta porta a porta si baserà su sacchetti “intelligenti” dotati di microchip e in grado di identificare l’utente e il tipo di rifiuto conferito. Una vera e propria rivoluzione, iniziata con l’approvazione del Piano per la riduzione e la gestione dei materiali post-consumo e finalizzata al raggiungimento del 70% di raccolta differenziata entro il 2021. Vogliamo rendere Roma una realtà sempre più vivibile ed ecosostenibile”, commenta il presidente della Commissione capitolina Ambiente Daniele Diaco.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy