Roma città – Scuola vandalizzata in Municipio VI, tutti i bimbi del nido e della scuola d’infanzia hanno ripreso le attività

Roma città – Scuola vandalizzata in Municipio VI, tutti i bimbi del nido e della scuola d’infanzia hanno ripreso le attività

Locali danneggiati ancora sotto sequestro, garantite altre aule

Roma, 31 ottobre 2017 – I bimbi della scuola d’infanzia in via Luciano Conti, danneggiata dall’incendio di giovedì 19 ottobre, ieri hanno ripreso regolarmente le attività. Sono, temporaneamente, ospitati presso le strutture della scuola materna in via Prampolini, situate un piano più in basso, nello stesso edificio. E’ stato, infatti, necessario fronteggiare alcune infiltrazioni dovute a una tubatura rovinata dalle fiamme. I bimbi del nido avevano, invece, già ripreso le attività martedì 24.

 

I locali coinvolti nell’incendio sono ancora sotto sequestro. Una volta dissequestrati, si accerterà l’entità dei lavori necessari a  renderli nuovamente agibili.

 

Abbiamo garantito una risposta immediata a un atto così vile. Grazie al prezioso lavoro di squadra con il Municipio VI, i bimbi hanno potuto riprendere le attività in ambienti sicuri. Attendiamo che le indagini facciano il loro corso, ma noi non ci fermiamo: continueremo a perseguire la legalità e a lavorare per incrementare l’offerta educativa e scolastica in quel territorio”, sottolinea la sindaca di Roma CapitaleVirginia Raggi.

 

Sin dal nostro insediamento, assieme alla giunta municipale, abbiamo lavorato per aumentare le possibilità di frequentare i nidi e le scuole d’infanzia. L’incendio non ha frenato il nostro percorso: la forte sintonia tra istituzioni e comunità locale ha assicurato una risposta tempestiva ed efficace. Con una memoria già approvata dalla giunta, sono state inoltre attivati interventi specifici per garantire maggiore tutela del diritto allo studio sul territorio”, spiega l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy