• SUL CAN.85 DELLA TUA TV TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Social, Bakayoko risponde: “Non mi sono rifiutato di entrare”

Social, Bakayoko risponde: “Non mi sono rifiutato di entrare”

Il centrocampista del Milan, Tiémoué Bakayoko, si è rifiutato di entrare ieri contro il Bologna e ha mandato a quel paese il tecnico Rino Gattuso

di redazionecittaceleste

ROMA – Il centrocampista del Milan, Tiémoué Bakayoko, si è rifiutato di entrare ieri contro il Bologna e ha mandato a quel paese il tecnico Rino Gattuso. Un altro episodio non molto positivo per quanto riguarda il francese, che ha poi risposto su Twitter in merito alle accuse rivoltegli.

Ecco le sue parole: “Sono diverse settimane che sui media si parla di me, io ho deciso di non dire niente e di continuare a lavorare. Tuttavia, ciò che è accaduto stasera e le interpretazioni che vengono date mi obbligano a reagire immediatamente, perché non accetto che mi si faccia passare per un giocatore che si rifiuta di entrare in campo quando il suo allenatore glielo chiede, e che non ha rispetto per il suo club e i suoi compagni di squadra. Partivo in panchina, ma ero pronto a dare il 200% anche se avessi giocato soltanto 5 minuti. Quando Biglia si è fatto male mi è stato detto di cominciare a prepararmi per il cambio. E così ho fatto, mi sono preparato subito e mi sono scaldato per 2/3 minuti al massimo. Successivamente sono stato richiamato in panchina: questo è avvenuto tra il 23’ e il 26’ minuto del primo tempo. Quando sono tornato a sedermi in panchina, l’allenatore si è rivolto a me con dei termini che non mi aspettavo, io non ho fatto altro che ripetere le sue parole. Niente di più. Che le cose siano chiare: non mi sono mai rifiutato di entrare o di andarmi a scaldare. Le immagini parlano chiaramente”.

DAL 2 MAGGIO CITTACELESTE TV LA TROVI SUL CANALE 85 DEL TUO DIGITALE TERRESTRE. RISINTONIZZA I CANALI E RESTA CONNESSO H 24 AL MONDO LAZIO!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy