Amelia spara su Allegri: “Ultimi mesi non condividevo le sue scelte”

Amelia spara su Allegri: “Ultimi mesi non condividevo le sue scelte”

Marco Amelia, portiere del Milan, ai microfoni di Mediaset Premium ha parlato della vittoria contro il Cagliari arrivata in rimonta partendo dal suo errore sul gol di Sau: “Ho colpito male il pallone e dovevo stare più attento perché oggi c’era molto vento. Siamo stati poi bravi a reagire e…

Marco Amelia, portiere del Milan, ai microfoni di Mediaset Premium ha parlato della vittoria contro il Cagliari arrivata in rimonta partendo dal suo errore sul gol di Sau: “Ho colpito male il pallone e dovevo stare più attento perché oggi c’era molto vento. Siamo stati poi bravi a reagire e ribaltare la gara perché non avremmo digerito la sconfitta. Siamo stati bravi tutti e ringrazio i miei compagni di squadra. Eravamo sotto all’87° e al fischio finale abbiamo festeggiato la vittoria. Abbiamo cercato a lungo il gol contro un Cagliari che si è chiuso molto bene. Siamo una squadra che non molla mai e che oggi ha dimostrato un grande carattere nel ribaltare una gara che pareva persa. Abbiamo giocatori di grande qualità che possono trascinare questa squadra.- continua poi Amelia parlando di se stesso e degli ultimi mesi – Sono in scadenza e volevo andare a giocare per sei mesi. Sopratutto volevo andare in un ambiente dove mi potessi sentire rispettato come calciatore e uomo. Con Allegri, non dico che mancasse il rispetto, ma negli ultimi tre mesi molte cose non andavano bene. Lui era il tecnico e io rispettavo le sue decisioni pur non condividendole. Dopo l’infortunio di Abbiati e la gara da titolare contro il Barcellona mi aspettavo un trattamento diverso e l’ho detto anche al mister, ma così non è stato. Per questo avevo chiesto di andare via, poi con Seedorf le cose sono cambiate perché mi ha dato fiducia e ha mostrato la sua stima nei miei confronti e per questo ho deciso di restare”. (TMW)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy